Giornata mondiale del turismo, Chessa: “La Sardegna è cresciuta”.

Nonostante la pandemia ancora in corso, l’estate 2021 ha rappresentato, a giudizio dell’assessore regionale al Turismo, Gianni Chessa, la stagione del rilancio per l’Isola, registrando un forte incremento di presenze rispetto alla Stagione 2020, con numeri che si avvicinano significativamente a quelli del 2019, ultimo anno dell’era pre-covid. Ma, ricorda l’esponente della Giunta Solinas “è necessario ripensare il modo di fare turismo che non può prescindere da un’offerta diversificata e capace di attrarre quel sempre più vasto bacino di persone”. 

“La politica – ha detto l’assessore Chessa intervenendo ad una tavola rotonda con il ministro Massimo Garavaglia -, deve essere in grado di creare le condizioni affinché possa innescarsi un circolo virtuoso nel quale la domanda stimoli un’offerta sempre più variegata e di qualità, che a sua volta incentivi una crescita della domanda iniziale. Da qui nasce l’intuizione di questo Assessorato che, ha detto Chessa, consapevole della forza di aggregazione dello Sport e della qualità dei valori di cui esso si fa portatore, ha individuato nelle grandi Manifestazioni Sportive un potente strumento di promozione del territorio, in grado di prolungare la stagione turistica e di rafforzare l’immagine di una Sardegna sicura ed accogliente 365 giorni l’anno”.

LEGGI ANCHE:  Blue tongue, un milione per vaccini e farmaci.

Ecco quindi il progetto denominato “Isola dello Sport” che, nel primo anno della ripresa Post Covid, ha permesso di ospitare eventi di assoluto rilievo mondiale dislocati sull’intero territorio Regionale, dalla pallavolo al padel, dal motocross alle arti marziali, dal tennis alla vela, fino al triathlon ed al biliardo.

Un ‘cartellone’ sostenuto con oltre 11 milioni di Euro delle casse regionali, che, secondo le stime dell’assessore “hanno creato nell’immediato un indotto stimato nella misura del 300% del capitale investito” e che porteranno dei benefici nel medio e lungo periodo “grazie alle testimonianze di atleti e addetti ai lavori ed alle visualizzazioni ed interazioni web in ogni angolo del pianeta”.

LEGGI ANCHE:  Tar, Solinas: “Rispetto la sentenza, ma dal Governo due pesi e due misure”.

“Una scommessa vinta”, ha ricordato Chessa, “replicabile in diversi ambiti, come già sperimentato con un altro significativo progetto, ‘Sardegna Isola Megalitica’ che, ha dato vita ad un percorso itinerante nel quale la Sardegna ha dapprima ospitato i più significativi reperti del neolitico provenienti da tutta Europa, per poi mostrarsi a sua volta e farsi conoscere, con i suoi tesori, nelle sale di Berlino, Napoli, Salonicco e San Pietroburgo. Un percorso di grande successo (come dimostrato dalle oltre 75.000 presenze registrate nei 3 mesi della mostra nel solo museo di Berlino) che andrà a concludersi a fine 2022 e dal quale ci si aspetta importanti ricadute in termini di promozione e presenze sul territorio”.

LEGGI ANCHE:  Turismo. Nasce il registro dei 'Grandi eventi identitari'.

foto Sardegnagol riproduzione riservata