Gianantonio Da Re: “Declino della salute mentale dei giovani in Europa”.

Aumentano le diseguaglianze e i problemi psicologici per i giovani europei, sempre più esposti all’abuso di sostanze stupefacenti, alcolici e alla dipendenza dal gioco d’azzardo online, dove cresce la quota di under20. A ricordarlo l’esponente del gruppo Identità e Democrazia, Gianantonio Da Re, intervenuto per chiedere alla Commissione europea di riferire sulle iniziative a tutela della salute mentale dei giovani europei.

“Dato che la salute mentale dei giovani in Europa è in una spirale discendente (tra il 2005 e il 2017 i sintomi depressivi tra gli adolescenti sono aumentati del 5,2%), anche a causa degli effetti disastrosi della pandemia di COVID-19, è ragionevole supporre che le cose potrebbero continuare a peggiorare”.

LEGGI ANCHE:  L'ultimo messaggio del Presidente Mattarella ai giovani italiani: "Non fermatevi, non scoraggiatevi, prendetevi il vostro futuro".

In attesa della risposta da parte della Commissione europea, sperando che dall’Esecutivo von der Leyen non ci si nasconda dietro la reiterata “mancanza di competenza Ue”, si può già dire che i principali programmi per la gioventù in Europa, Erasmus+ ed Esc, possono aiutare nell’implementazione di interventi di prevenzione ma, va evidenziato, l’accesso ai programmi deve essere facilitato.

Attualmente, infatti, le opportunità offerte dall’Europa per i giovani non sono accessibili per i giovani vulnerabili. Un vero e proprio paradosso, visto che tali programmi dovrebbero incidere direttamente sull’inclusione dei giovani, sul quale non è stato fatto granché dalle parti della Commissione UE. Il semplice aumento delle risorse per il programma Erasmus+ nel Bilancio UE, seppur una buona notizia, non rappresenta una soluzione esaustiva.

LEGGI ANCHE:  Allargamento UE, Commissione esteri: "Accelerare l'integrazione europea dei Balcani".

foto Frederic Marvaux Copyright: © European Union 2021 – Source : EP