Fiscalità. Il Parlamento europeo chiede maggiore trasparenza sulle multinazionali.

L’11 novembre il Parlamento europeo voterà un accordo provvisorio con il Consiglio che inserisce l’obbligo per le imprese con un fatturato annuo superiore a 750 milioni di euro e con attività in più Paesi a dichiarare gli utili realizzati, l’imposta sul reddito pagata e il numero di dipendenti in ciascun Paese dell’UE per l’anno finanziario precedente.

Le società, secondo l’intesa, saranno tenute inoltre a pubblicare profitti, tasse e costi del personale versati in alcuni Paesi extra UE, compresi i Paesi che non cooperano con l’UE in materia fiscale e quelli che non soddisfano tutti gli standard ma si sono impegnati a riformare.

Regole, ricordano dal Parlamento europeo, che “puntano a svelare dove le multinazionali pagano le tasse e a rendere più difficile l’elusione fiscale”.

LEGGI ANCHE:  Leggi risarcitorie a favore delle vittime dell’amianto.

A partire dagli scandali finanziari della prima decade del 2000, gli eurodeputati hanno invocato l’introduzione per le aziende di una rendicontazione pubblica Paese per Paese, allo scopo di contrastare la pratica messa in atto da molte multinazionali, ovvero il trasferimento dei profitti in Paesi che consentono di beneficiare di un regime di tassazione preferenziale con pochi dipendenti e una bassa soglia di operazioni. 

In termini pratici, questo si traduce in una tassazione minore per le multinazionali, a scapito dei Paesi che lottano per finanziare i propri investimenti e per difendere le prestazioni sociali.

Nel 2015 il Parlamento aveva già formulato alcune raccomandazioni sull’obbligo per le aziende di rivelare sia i propri profitti che il pagamento delle imposte Paese per Paese. A tal proposito, nel 2016 la Commissione europea aveva formulato una proposta di normativa. Tuttavia, mentre il Parlamento ha provveduto ad adottare la propria posizione nel luglio 2017, i negoziati tra i colegislatori sono potuti iniziare solo nel 2021 a causa della lentezza nelle trattative del Consiglio dei ministri.

LEGGI ANCHE:  Bilancio UE 2023: il Parlamento europeo chiede più fondi per la crisi ucraina.

“Questo risultato – per la correlatrice Evelyn Regner del gruppo S&D – costituisce un grande successo per il Parlamento europeo, poiché è stato proprio il Parlamento europeo a richiederlo e a portarlo sul tavolo”. L’eurodeputata ha poi sottolineato l’importanza delle suddette regole per i cittadini, dal momento che potrebbero portare a una maggiore giustizia fiscale, rivelando dove vengono pagate le tasse.

Le nuove regole non obbligheranno le multinazionali a rivelare i propri profitti e il versamento delle imposte in ogni Paese del mondo. Le società potranno comunque divulgare i dati aggregati per Paesi che non sono membri dell’UE, pur non apparendo negli elenchi dell’UE indicanti i Paesi non cooperativi e di Paesi che si sono impegnati nella riforma fiscale. Tuttavia, i negoziatori del Parlamento affermano che le regole potrebbero essere ulteriormente rafforzate una volta che la Commissione avrà effettuato la revisione dell’impatto della legislazione, a quattro anni dalla sua attuazione.

LEGGI ANCHE:  Grooming, Giannantonio Da Re: "Inefficacia dei sistemi di protezione da parte dei social network".

foto Copyright European Parliament 2020: Source EP / Daina Le Lardic