Estate 2023, +700mila passeggeri nell’Isola. Moro: “Successo politiche regionali”.

“I numeri del traffico passeggeri negli scali aereoportuali isolani, registrati da gennaio a ottobre 2023, sono importanti e incoraggianti. L’aumento di oltre 700mila unità (747.730 rispetto al 2022 e 789.332 rispetto al 2019) dimostra il successo delle politiche regionali in tema di trasporti e turismo. In particolare, certifica la tenuta del trasporto aereo. Mantenendo questo andamento, chiuderemo l’anno con almeno un milione di passeggeri in più”. Lo ha detto l’assessore regionale dei Trasporti, Antonio Moro, che, questa mattina insieme all’assessore regionale del Turismo, Gianni Chessa, ha presentato i dati del traffico relativi alla stagione estiva 2023. 

“Nei tre aeroporti si è registrata una stagione record, con un aumento del 5,89% rispetto al 2022 (+382.774) e del 6% rispetto al 2019 (+413.228) – ha aggiunto l’assessore Moro –  In totale quasi 7 milioni di arrivi tra gennaio e ottobre Numeri in crescita anche prendendo in considerazione solamente il ‘periodo estivo’ (da giugno a ottobre), a riprova che si sta verificando anche un importante allungamento della stagione: nel mese di ottobre si sono superati i 500mila arrivi: +3,21% rispetto al 2021 e +17% rispetto al 2019”.

LEGGI ANCHE:  ACLI: "Profondo rosso per le assunzioni nelle aziende sarde".

“Certamente – prosegue Moro – ci sono ancora criticità da superare, ma le misure prese in tempi recenti cominciano a dare i primi risultati, come nella ‘Continuità territoriale’ con un aumento delle frequenze su Roma e Milano. Entro quest’anno programmeremo gli aiuti diretti ai vettori per l’apertura di nuove rotte, così da collegare meglio la Sardegna nello scenario internazionale, anche durante la prossima stagione invernale. Infine, saranno disponibili i contributi per gli abbattimenti dei costi del biglietto aereo per i passeggeri residenti under26 e over65”.