ERSU Cagliari, Camoglio: “Nessuno studente verrà sfrattato”.

“Non ci sarà alcuno sfratto nelle case dello studente dell’Ersu Cagliari” per Michele Camoglio, presidente dell’Ente regionale per il diritto allo studio di Cagliari, intervenuto oggi per fare chiarezza sulla notizia diffusa nei giorni scorsi dalla stampa locale, circa un presunto sfratto degli studenti/esse dalle residenze universitarie.

“Mi sento di voler tranquillizzare gli studenti stessi e le famiglie perché trattasi di un grosso fraintendimento – ha proseguito Camoglio -. L’Ente, infatti, è del tutto consapevole che nessuno studente può effettuare spostamenti in deroga al DPCM attualmente in vigore e, tanto meno, gli spostamenti possono essere indotti da un Ente pubblico”.

Una precisazione che ha sgonfiato la ‘pochade’ degli ultimi giorni, come confermato dallo stesso ente: “Nessuno studente/essa verrà obbligato/a a lasciare l’alloggio neanche quando le restrizioni saranno superate poiché i diritti acquisiti possono essere mutati solo su base volontaria”.

LEGGI ANCHE:  Diritto allo studio, Corona de Logu: "L'ERSU Cagliari è allo sbando".

La nota del Consiglio d’amministrazione dell’ERSU Cagliari (composto oltre che dal presidente Camoglio da Gianluigi Piras, Antioco Floris, Federico Orrù e Cosimo Ghiani) ha poi rimarcato l’insussistenza della confusione creatasi nei giorni scorsi: “A dimostrazione che si tratta di un mero equivoco di comunicazione, l’Amministrazione sta valutando la possibilità di distribuire i pasti a domicilio per quegli studenti che al momento permangono in città nelle strutture abitative dell’ERSU”.

foto Ersucagliari.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.