Elmas: approvato il piano strategico. Spunta la banca dati per i giovani del territorio.

Il Comune di Elmas ha varato il nuovo piano strategico comunale nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale di venerdì. Dieci le linee programmatiche che delineano gli obiettivi politici ed amministrativi da attuare nel corso del mandato 2021 – 2026 da parte dell’Amministrazione guidata da Maria Laura Orrù. Azioni e progetti per “rilanciare nuovi e ambiziosi interventi a beneficio di tutta la comunità”, spiega la sindaca Orrù.

“Il lavoro quotidiano della nostra Giunta – ha dichiarato la prima cittadina – ha come obiettivo centrale di trasformare Elmas in una cittadina moderna, efficiente e sostenibile, con un ricco tessuto economico alle spalle e un patrimonio culturale importante da promuovere. Il tutto con un ruolo attivo e protagonista nella Città Metropolitana di Cagliari”.

In coerenza con le Linee Programmatiche di mandato, l’Amministrazione Comunale di Elmas ha individuato 4 macro ambiti di intervento prioritari, che includono le tematiche d’interesse per il territorio: smart city, servizi digitali, efficientamento energetico e amministrazione sostenibile.

LEGGI ANCHE:  Ecologia in classe: i giovani studenti di Elmas sui banchi di "Econews".

Per quanto riguarda il progetto “smart city”, il piano prevede di implementare la rete internet attivando progressivamente, nei punti di aggregazione, una rete Wi-Fi capillare, veloce e gratuita predisposta anche in prospettiva 5G; realizzare interventi per ridurre la criminalità e gestire le situazioni di rischio al fine di garantire massimo benessere per i cittadini. Il modello di sicurezza che si intende adottare, è basato sull’utilizzo integrato di tecnologie diverse, quali: telecamere di face detection e sistemi di rilevazione e conteggio persone e strumenti di monitoraggio del traffico; efficientare la mobilità urbana, attraverso diverse soluzioni: tecnologie di localizzazione di mezzi pubblici, per fornire ai cittadini informazioni sui tempi d’attesa dei veicoli; potenziare la mobilità dolce attraverso la messa a disposizione di monopattini e biciclette elettriche; copertura capillare di colonnine per la ricarica elettrica; valorizzazione degli spazi pubblici – piazze o parchi – per renderli interamente fruibili ed attrezzati in logica smart attraverso la connettività: installazione di arredi urbani “intelligenti” (panchine, totem, lampioni, etc.) o di ottimizzazione della gestione del verde pubblico attraverso sistemi di irrigazione automatici e monitoraggio benessere delle piante.

LEGGI ANCHE:  Servizio Civile, CNESC: "Ottimo segno aumento operatori volontari".

Le principali direttrici di azioni concernenti i servizi digitali dedicati al cittadino prevedono, invece, l’estensione dei servizi digitali esistenti per la creazione della “casa digitale del cittadino”; creazione di un’applicazione per smartphone per le segnalazioni in merito alle problematiche e i pericoli riscontrati sul territorio e costruire una banca dati digitale di curriculum di giovani, diplomati e laureati, per ridurre la distanza con il mondo del lavoro.

Il piano prevede poi di implementare la digitalizzazione della pubblica amministrazione creando una control room unica per la gestione integrata dei servizi e dei dati comunali, valorizzando ed integrando le attuali banche dati e dematerializzando gli archivi, adottare sistemi di cybersecurity e rafforzare le competenze e le professionalità del personale comunale in campo informatico.

LEGGI ANCHE:  Produzione libraria: +11,1% di titoli nel 2021.

Ancora il piano mira a riqualificare ed ottimizzare lo sfruttamento delle fonti energetiche, per “migliorare il rapporto tra immissione di energia e rendimento in termini di produzione o consumi efficientando illuminazione pubblica, immobili comunali ed edifici residenziali”.