Elezioni regionali, Todde: “Sarò la prima presidente donna dell’Isola”.

Dopo ore (interminabili) di scrutinio la leader del Campo largo, Alessandra Todde, si avvia verso Villa Devoto, al termine di una sfida a colpi di decimali con il candidato del centrodestra, Paolo Truzzu, ovvero il vero sconfitto da questa competizione elettorale.

Quando mancano 29 sezioni (1815 su 1844) l’esponente pentastellata conduce la volata verso via Oslavia con il 45,4% dei voti (328.969), mentre il diretto sfidante di Fratelli d’Italia è fermo al 45% (326.443).

Dato che ha portato prima Giuseppe Conte e Elly Schlein a Cagliari nella sede del comitato elettorale della Todde, in via Dante 45, seguiti dalla stessa neo presidente: “Sono la prima presidente donna dell’Isola. Oggi si può scrivere una pagina importante per la Sardegna”.

LEGGI ANCHE:  Regionali 2024, +EUROPA: "M5S e Todde strumentalizzano comunità LGBTQIA+".

Prime dichiarazioni da presidente che si accompagnano a quelle della segretaria nazionale del PD: “Questa è una vittoria dei sardi ed è una vittoria di questa coalizione: molti non avrebbero pensato che arrivassimo sin qui. Ora cambia il vento”. Per il leader del Movimento 5 Stelle, ancora “è stato fatto un grande lavoro per elaborare un progetto serio per i sardi. Quando c’è un progetto serio, con le comunità di riferimento, si possono ottenere risultati sorprendenti rispetto alle aspettative”.

La nuova presidente, in particolare, ha vinto in tutte le principlai città della Sardegna (tranne ad Oristano, Olbia e Alghero).

Missione fallita, infine, per il capo della Coalizione sarda, Renato Soru che, in serata, ha ammesso di non aver raggiunto l’obiettivo sperato del 10%.

LEGGI ANCHE:  Elezioni, Luca Zaia: "Si parla poco di giovani"... e in Sardegna anche meno!