Elettricità da fonti rinnovabili fino al 41% nel 2022

Nel 2022,  le fonti energetiche rinnovabili rappresentavano il 41,2% del  consumo lordo di elettricità  nell’UE , 3,4 punti percentuali (pp) in più rispetto al 2021 (37,8%) e ben prima di altre fonti di generazione di elettricità come il nucleare (meno del 22%), il gas (meno del 20%) o il carbone (meno del 17%).

In totale, ricorda oggi l’Eurostat, le fonti energetiche rinnovabili sono aumentate del 5,7% dal 2021 al 2022.

L’energia eolica e idroelettrica rappresentano oltre i due terzi dell’elettricità totale generata da fonti rinnovabili (rispettivamente 37,5% e 29,9%). Il restante terzo dell’elettricità proveniva dal solare (18,2%),  dai biocarburanti  solidi ( 6,9%) e da altre fonti rinnovabili (7,5%). L’energia solare è la fonte in più rapida crescita: nel 2008 rappresentava solo l’1% dell’elettricità consumata nell’UE. 

LEGGI ANCHE:  Ucraina. L'UE eroga la prima trance del programma di assistenza finanziaria.

La maggior parte del consumo di elettricità della Svezia nel 2022 proveniva da fonti rinnovabili (83,3%, principalmente idroelettrica ed eolica), seguita da Danimarca (77,2%, principalmente eolica) e Austria (74,7%, principalmente idroelettrica). Quote superiori al 50% si sono registrate anche in Portogallo (61,0%), Croazia (55,5%), Lettonia (53,3%) e Spagna (50,9%).

All’estremità opposta della scala, le quote più basse di elettricità da fonti rinnovabili sono state segnalate a Malta (10,1%), Ungheria (15,3%), Repubblica Ceca (15,5%) e Lussemburgo (15,9%).

Foto di Free-Photos da Pixabay.com