Effetto elezioni: sì all’addendum per il rilancio delle attività di Eurallumina.

Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, la Presidenza della Regione Sardegna, unitamente agli Assessorati del Lavoro, dell’Industria e dell’Ambiente, l’Eurallumina, le organizzazioni sindacali e datoriali hanno sottoscritto l’addendum che definisce le caratteristiche e i termini per la ripresa delle attività industriali degli impianti di Portovesme.

Obiettivo del documento, il riavvio degli impianti attraverso la riduzione dei costi produttivi ed energetici. L’azienda intende, infatti, modificare il suo impianto per poter utilizzare bauxiti provenienti dalla Repubblica di Guinea, estratte dalla UC Rusal, che consentirebbero la riduzione del prezzo complessivo della materia prima. Per ridurre i costi dell’energia, l’Eurallumina presenterà al soggetto gestore una nuova domanda di Contratto di Sviluppo per il finanziamento dell’investimento relativo al progetto di ammodernamento e conversione a gas naturale della raffineria. Invitalia, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, si impegna ad effettuare l’istruttoria dell’istanza di Contratto di Sviluppo.

LEGGI ANCHE:  Giunta. Approvato il programma “TVB Sardegna Lavoro”

“Un primo passo – (a Legislatura finita) – per la ripresa produttiva, una prospettiva di sviluppo per un’azienda che dispone di maestranze altamente qualificate. La Regione ha mantenuto l’impegno di sostenere l’occupazione e la vocazione industriale del territorio. Un punto di partenza per sbloccare una vertenza annosa e complessa e ridare speranza ai lavoratori”. Così il Presidente della Regione Christian Solinas, a margine dell’incontro.

Per quanto riguarda, invece, il piano finanziario, la società presenterà al MIMIT l’istanza di rimodulazione del Contratto di Programma sottoscritto nel 2008 e la richiesta di proroga (al 31 dicembre 2026) del termine per il completamento del nuovo programma di investimenti.

LEGGI ANCHE:  Bluetongue e tubercolosi bovina: 600mila dosi disponibili.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, il Ministero delle Imprese e del Made in Italy e la Regione Sardegna, in attesa della ripartenza dell’impianto, si sono impegnati ad individuare ogni possibile soluzione, normativamente consentita, che possa  supportare il reddito dei lavoratori diretti e indiretti, già in sicurezza perché coperti da ammortizzatori sociali.

Data la necessità di riavviare l’impianto nel più breve tempo possibile, i Ministeri dell’Ambiente, del Lavoro, delle Imprese e del Made in Italy, la Regione Sardegna e l’Eurallumina hanno sottoscritto anche l’impegno a monitorare la realizzazione del progetto di rilancio del sito di Portovesme attraverso incontri trimestrali da svolgersi presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy. Il primo incontro trimestrale è già fissato per il 31 maggio 2024. 

LEGGI ANCHE:  Giovani: nel 2023 i dati migliorano ma ancora il 19% in sovrappeso e 10% con obesità.