Dispersione scolastica al 13,2% in Sardegna.

Secondo le ultime rilevazioni di Save the Children sulla povertà educativa, nell’Isola della Sardegna circa il 9,7% degli studenti con un diploma superiore nel 2022 si ritrova in condizioni di dispersione “implicita”, cioè senza le competenze minime necessarie per entrare nel mondo del lavoro o dell’Università.

In Sardegna il 13,2% dei minori non arriva neanche al diploma delle superiori, perché abbandona precocemente gli studi, mentre il numero di neet, a fronte di una media nazionale del 23,1%, nell’isola raggiunge il 23,6%, oltre 10 punti sopra la media UE.

Se guardiamo poi alle competenze nelle singole materie – osserva ancora Save the Children – in Campania, Calabria e Sicilia più del 60% degli studenti non raggiungono il livello base delle competenze in italiano, mentre quelle in matematica sono disattese dal 70% degli studenti in Sardegna, Campania, Calabria, Sicilia.

LEGGI ANCHE:  Gli asili nido compiono 50 anni, ministro Bianchi: “Investire sui servizi educativi significa riportare al centro i diritti dei bambini”.