Difesa, Bentu Estu 2021, Sottosegretaria Pucciarelli: “Format di successo”.

“Nel corso di questa importante esercitazione dimostrativa congiunta a carattere regionale abbiamo assistito a un intenso e trasversale programma interagenzia in tutte le provincie sarde”. Così è intervenuta la Sottosegretaria alla Difesa alla cerimonia di chiusura presso il poligono di Capo Teulada dell’esercitazione Bentu Estu 2021, svoltasi in due fasi: il 17 e 18 novembre con attività sperimentali su Teulada di strumenti prototipici e la partecipazione attiva degli studenti di alcuni plessi scolastici di Sant’Anna Arresi e Teulada, e dal 29 novembre al 3 dicembre con una federazione di eventi, ognuno inserito in uno scenario emergenziale scelto dal Prefetto competente per territorio simulando incidenti industriali, incendi ed esondazioni.

LEGGI ANCHE:  Case popolari, Ciusa: "La Regioni revochi mandato ad AREA"

Come per la prima edizione del 2019 la Difesa si è fatta carico dell’organizzazione dell’evento, che ha visto la partecipazione delle Forze Armate – Esercito principalmente –, delle Forze dell’Ordine –, del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e del Corpo Militare Volontario della Croce Rossa Italiana, ausiliario delle Forze Armate.

La Sardegna è stata coinvolta con tutte le sue Prefetture, la Regione Autonoma e gli Enti Locali, la Protezione Civile, il Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale e il Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna (CRS4).

Un modello addestrativo interagenzia che potrebbe essere auspicabilmente replicato sul resto del territorio nazionale: “Grazie a questo articolato e qualificante dispositivo è stato possibile sviluppare una cosiddetta Various Disaster Relief Exercise (VARIDEX) connotata da diversi scenari emergenziali potenziali che potrebbero colpire la Sardegna”

LEGGI ANCHE:  Seconda commissione: "Sì al sostegno dei lavoratori delle sagre".