Diego Loi: “I territori del Montiferru, Planargia e Monte Arci non possono più attendere il provvedimento ‘Omibus'”.

Una legge o provvedimento ad hoc che fornisca i primi importanti strumenti per gestire l’emergenza a seguito degli incendi che lo scorso luglio hanno colpito il Montiferru e gli altri territori. Questa in breve la richiesta di Diego Loi, consigliere regionale dei Progressisti e sindaco di Santu Lussurgiu, uno dei comuni più colpiti dagli incendi dello scorso luglio: “Ritengo necessario approvare immediatamente una legge specifica che, in pochi punti e con tempi rapidi, si occupi di garantire alcuni interventi fondamentali per i territori e le popolazioni colpite dai terribili eventi che nell’ultima settimana di luglio hanno creato effetti devastanti per le famiglie, le imprese e i nostri paesi”.

Interventi ancora procrastinati dalla politica regionale, smarritasi dall’inizio della Legislatura tra proclami di circostanza, improbabili proposte legislative e, recentemente, distratta dagli impegni elettorali delle elezioni amministrative di ottobre. Una mancanza di sensibilità bipartisan, guardando alla desertificazione del Consiglio regionale delle ultime settimane, che non può che avere ripercussioni sulla società sarda: “Le popolazioni – conclude l’esponente Progressista – non possono più attendere il provvedimento ‘Omnibus’, in cui sono state inserite le misure dell’emergenza incendi, pari a 20 milioni di euro. Siamo convinti che serva una legge ad hoc che potrebbe andare in aula già la settimana prossima, velocizzando le procedure di approvazione senza perdere ulteriore tempo”.

LEGGI ANCHE:  Estate 2022, Solinas: "Numeri da record".