Desirè Manca: “Pais e Sgarbi al museo alla faccia dei sardi”.

Quanto è importante il principio di opportunità per un esponente politico? Una domanda alla base della riflessione della consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Desirè Manca, in merito alla visita del presidente del Consiglio regionale Michele Pais al museo della Brigata Sassari, in compagnia del deputato Vittorio Sgarbi, nonostante le limitazioni imposte per la fruizione dei siti culturali nelle zone arancioni: “Mentre in tutta Italia gli istituti della Cultura, come i musei, sono chiusi in zona arancione, in Sardegna le porte del museo della Brigata Sassari si sono aperte per permettere una visita guidata assolutamente vergognosa. Infatti nei giorni scorsi il Presidente del Consiglio regionale della Sardegna, Michele Pais, avendo come ospite in città un parlamentare critico d’arte quale Vittorio Sgarbi, ha ben pensato di accompagnarlo a visitare il museo, alla faccia dei cittadini sardi ai quali le visite nei luoghi della cultura sono proibite da tempo”.

LEGGI ANCHE:  Presidente Mattarella: "Giovani si mettano in gioco".

“Così, Parlamentare e Presidente del Consiglio regionale hanno potuto ammirare il museo sassarese accompagnati dall’ex sindaco di Castelsardo Franco Cuccureddu, qualche congiunto e persino qualche amico. Un episodio vergognoso, manifestazione della casta in salsa sarda, della politica dei privilegi che ho sempre combattuto, e che oggi si è dimostrata in tutta la sua arroganza”.

“La visita – ricorda Desirè Manca – si è svolta al riparo da occhi indiscreti e non è stata pubblicizzata come di consueto in queste occasioni, ciò nonostante, quanto accaduto è la dimostrazione dell’esistenza di sempre nuove disparità tra il popolo sardo e una certa politica abituata a non rispettare le regole”. 

LEGGI ANCHE:  Piano regionale sul Recovery plan, Desirè Manca: "Dirigente della Regione ha impedito l'accesso agli atti".

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata