Europa Creativa, Commissione: “Maggiori risorse bilancio UE”.

“La cultura è e deve rimanere al centro del progetto europeo”. Così il Commissario Johannes Hahn è recentement intervenuto per rimarcare l’entità delle risorse del Bilancio europeo per il 2023 destinate alla cultura. Uno statement che non ha però convinto un nutrito gruppo di eurodeputati*, i quali, alla luce del bilancio proposto per il 2023 per il programma Europa creativa (325,3 milioni di EUR a fronte dei 406,5 milioni di EUR per il 2022), hanno chiesto conferma circa il decremento del 20% del budget del programma rispetto al bilancio del 2022.2: “Ravvisa la Commissione una contraddizione tra questa drastica riduzione del bilancio 2023 per Europa creativa e la summenzionata dichiarazione del commissario Hahn circa il ruolo della cultura nel progetto europeo?”, si legge nel testo dell’interrogazione parlamentare presentata dagli eurodeputati.

LEGGI ANCHE:  Diritti dei bambini, Gonzàlez: "Ampliare campo d'applicazione della strategia UE".

Proprio il destinatario della richiesta, Johannes Hahn a nome della Commissione europea ha dichiarato che nel contesto dei negoziati sul quadro finanziario pluriennale (QFP) 2021-2027 e dell’adozione dell’atto di base del programma Europa creativa, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno approvato una dotazione finanziaria di 1842 milioni di euro per la sua attuazione. “È inoltre prevista una dotazione aggiuntiva di circa 688 milioni di euro a seguito dell’adeguamento specifico del programma a norma dell’articolo 5 del regolamento QFP – ha dichiarato il Commissario -. In totale il bilancio del programma è stimato a 2530 milioni di euro (a prezzi correnti), un aumento significativo rispetto ai 1470 milioni di euro destinati al bilancio del programma precedente per il QFP 2014-2020”.

LEGGI ANCHE:  Evasione fiscale nell'UE, Johannes Hahn: "Base imponibile comune per l'imposta sulle società".

“In linea con la programmazione finanziaria l’importo previsto nel progetto di bilancio 2023 permetterà di raggiungere, in modo cumulativo nel corso dei sette anni del periodo 2021-2027, il bilancio complessivo del programma, come previsto dall’atto di base a norma del regolamento QFP. In conclusione, il bilancio per il periodo 2021-2022 è risultato superiore a causa dell’anticipazione del bilancio QFP e la dotazione per il 2023 costituisce un ritorno a un livello normale, nel pieno rispetto della programmazione finanziaria e del bilancio di riferimento del programma. Non è il frutto di una scelta discrezionale né della volontà della Commissione di lanciare un segnale”, ha concluso Hahn.

LEGGI ANCHE:  Islanda: addio al ghiacciaio Okjökull.

* Niklas Nienaß (Verts/ALE), Hannes Heide (S&D), Diana Riba i Giner (Verts/ALE), Andrey Slabakov (ECR), Alexis Georgoulis (The Left), Irena Joveva (Renew), Ibán García Del Blanco (S&D), Tomasz Frankowski (PPE), Marcos Ros Sempere (S&D), Laurence Farreng (Renew), Domènec Ruiz Devesa (S&D), Loucas Fourlas (PPE), Massimiliano Smeriglio (S&D), Romeo Franz (Verts/ALE) e Salima Yenbou (Renew).