Criptovalute: nuove norme sulla trasparenza fiscale.

Oggi i ministri delle Finanze dell’UE hanno adottato nuove norme sulla trasparenza fiscale per tutti i fornitori di cripto-asset con sede nell’UE. Le nuove norme, che costituiscono un aggiornamento della Direttiva sulla cooperazione amministrativa (DAC8), integrano il Regolamento sui mercati delle cripto-attività (MiCA) e il Regolamento sul trasferimento di fondi (TFR) e sono pienamente conformi all’aggiornamento dell’iniziativa dell’OCSE sul quadro di rendicontazione per cripto-asset.

Una tassazione equa ed efficiente è essenziale per garantire entrate destinate a finanziare investimenti e servizi pubblici, creando al tempo stesso un ambiente imprenditoriale in cui l’innovazione possa prosperare. Tuttavia, le autorità fiscali attualmente non dispongono delle informazioni necessarie per controllare le entrate ottenute attraverso l’uso di cripto-asset, che sono facilmente scambiabili a livello internazionale. Ciò limita significativamente la loro capacità di garantire che le tasse siano pagate in modo efficace ed equo, il che significa che i cittadini europei perdono ingenti entrate fiscali.

LEGGI ANCHE:  Artisti europei: il Parlamento europeo chiede migliori condizioni di lavoro.

La direttiva migliorerà la capacità degli Stati membri di individuare e combattere la frode, l’elusione e l’evasione fiscale, richiedendo a tutti i fornitori di servizi di cripto-asset con sede nell’UE, indipendentemente dalle loro dimensioni, di segnalare le transazioni effettuate da clienti residenti nell’UE. Inoltre, il campo di applicazione è stato ampliato rispetto alle versioni precedenti della direttiva per includere gli obblighi di comunicazione degli istituti finanziari in relazione alla moneta elettronica e alle valute digitali delle banche centrali, nonché le informazioni sullo scambio automatico sui ruling fiscali anticipati in questioni transfrontaliere utilizzati da persone fisiche.

Insieme al regolamento MiCA e alle norme antiriciclaggio aggiornate, la direttiva fornisce un quadro legislativo completo e trasparente per l’UE, che si traduce in certezza giuridica, tassazione equa e un ambiente attraente per le imprese.

LEGGI ANCHE:  La maggior parte delle regioni dell’UE registra un aumento del PIL reale nel 2022.

Foto di Eivind Pedersen da Pixabay.com