Covid, Antonio De Palma: “In Italia si ammalano 500 infermieri al giorno”.

Secondo i dati elaborati da Nursing Up, negli ultimi 30 giorni nel nostro Paese ci sono stati circa 20.464 operatori sanitari infetti, di cui la metà infermieri. Numeri disastrosi per Antonio De Palma, presidente del sindacato Nursing Up: “Dal nostro report, costruito incrociando i dati dell’Istituto Superiore di Sanità e dell’Inail, emerge una realtà tristissima: dal 5 novembre scorso, ogni giorno, registriamo un aumento che oscilla tra i 450 e i 500 infermieri contagiati”. 

“Entro il 15 dicembre prossimo – ha aggiunto De Palma – rischiamo concretamente di arrivare a 15mila infermieri contagiati in più rispetto ai 10mila che si contano ad oggi. Numeri drammatici di una seconda ondata che non doveva essere gestita in questo modo approssimativo e scellerato da un Governo che solo oggi, di fronte a 48 decessi di professionisti della sanità, di fronte a oltre 50mila operatori sanitari che si sono ammalati dal febbraio scorso, ci regala barlumi di speranza stanziando 335 milioni di euro che altro non saranno che 100 euro in più nelle nostre busta paga”.

LEGGI ANCHE:  Campagna anti-Covid, circa 3 milioni di dosi somministrate in Sardegna negli ultimi 12 mesi.

Nel corso del suo intervento De Palma ha poi puntato il dito contro la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI): “Ci chiediamo come mai non sia ancora intervenuta per far sentire la propria voce. Come è possibile che il nostro ente di riferimento professionale, che è anche istituzione sussidiaria dello Stato taccia su tutto questo? Detto questo – ha concluso il presidente di Nursing Up – invitiamo i governanti ai vari livelli ad adoperarsi per tutelare la salute dei cittadini italiani. Senza infermieri questo Governo si prepari ad assistere al crollo inesorabile del sistema!”.