Cooperazione UE-ONU: l’UE dice sì all’Ufficio delle Nazioni Unite per la gioventù.

L’UE ha annunciato un contributo di 1 milione di euro all’Ufficio delle Nazioni Unite per la gioventù istituito lo scorso mese di dicembre 2023. Nato per rafforzare l’impegno e il sostegno per la promozione delle questioni giovanili in tutte le Nazioni Unite, in particolare sullo sviluppo sostenibile, la pace, la sicurezza e i diritti umani, si apre così un nuovo capitolo nella cooperazione tra l’Ue e l’Onu.

“L’UE e l’Ufficio delle Nazioni Unite per la gioventù hanno un  obiettivo comune. sostenere e amplificare la rappresentanza, le voci e le azioni significative dei giovani nella co-creazione di soluzioni alle sfide globali. Non vediamo l’ora di approfondire la nostra partnership e collaborazione a livello multilaterale con i giovani al tavolo”, ha dichiarato nell’occasione la commissaria per i Partenariati internazionali, Jutta Urpilainen.

LEGGI ANCHE:  Agricoltura, Coldiretti: "Sulla PAC servono risposte".

I fondi sosterranno il sostegno, nonché la guida e gli strumenti intesi a rafforzare la partecipazione dei giovani alla multilateralità a livello globale e nazionale. L’obiettivo è garantire che i giovani abbiano le opportunità e i mezzi per impegnarsi in modo significativo nella co-elaborazione di politiche e decisioni che incidono sulla loro vita e sul loro futuro.

Il contributo conferma l’impegno dell’UE a coinvolgere, responsabilizzare e connettere i giovani in linea con il  piano d’azione per la gioventù nell’ambito dell’azione esterna 2022-2027, il primo quadro politico in assoluto per un partenariato strategico con i giovani di tutto il mondo per costruire un’economia più resiliente e sostenibile.

Il piano d’azione per la gioventù sostiene l’UE nel portare a termine gli impegni internazionali rafforzando la partecipazione significativa e l’emancipazione dei giovani nelle politiche di azione esterna dell’UE. Facilita la partecipazione diretta dei giovani attraverso il comitato di risonanza giovanile globale per i partenariati internazionali e i comitati di risonanza giovanile locali in tutto il mondo che forniscono consulenza alla Commissione europea e alle delegazioni dell’UE sulla partecipazione e l’empowerment dei giovani nelle politiche e nei programmi dell’UE.

LEGGI ANCHE:  Scontri nel Caucaso, Borrell: "Tornare al tavolo delle trattative".

foto “CC-BY-4.0: © European Union 2019 – Source: EP”.