Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Consiglio dei ministri: le nuove misure sui rincari energetici. - Sardegnagol

Consiglio dei ministri: le nuove misure sui rincari energetici.

Per contrastare gli aumenti dei prezzi nel settore elettrico, il Consiglio dei ministri ha appena adottato un nuovo decreto-legge, introducendo misure a sostegno dei settori in difficoltà, a partire dalle discoteche, parchi acquatici, acquari, attività di organizzazione di feste e cerimonie, fino ad arrivare ai pubblici esercizi, al settore dell’accoglienza e dello spettacolo.

Il decreto interviene anche per far fronte al caro bollette. L’esecutivo era già intervenuto sul primo trimestre 2022 stanziando 3,8 miliardi contro i rincari energetici. Con il provvedimento di oggi, il governo interviene nuovamente con un ulteriore 1,7 miliardi, maggiormente mirato a sostenere il mondo delle imprese.

La disposizione prevede che l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente – ARERA, al fine di ridurre ulteriormente gli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico, provveda ad annullare, per il primo trimestre 2022, le aliquote relative agli oneri generali di sistema applicate alle utenze con potenza disponibile pari o superiore a 16,5 Kw, anche connesse in media e alta/altissima tensione o per usi di illuminazione pubblica o di ricarica di veicoli elettrici in luoghi accessibili al pubblico.

LEGGI ANCHE:  Consiglio dei ministri. Il nuovo disegno di legge sui contratti pubblici.

La norma è volta a garantire alle imprese energivore una parziale compensazione degli extra costi per l’eccezionale innalzamento dei costi dell’energia. A quelle che hanno subito un incremento del costo per KWh superiore al 30 per cento al medesimo periodo dell’anno 2019, derivante dalla particolare contingenza dovuta dall’innalzamento dei costi dell’energia in questione, è riconosciuto un contributo straordinario, sotto forma di credito di imposta, a parziale compensazione dei maggiori oneri sostenuti. Il beneficio è quantificato in misura pari al 20 per cento delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata nel primo trimestre 2022.

La norma vincola gli operatori che stanno producendo energia senza sopportare gli effetti dell’eccezionale aumento del prezzo dell’energia versino una differenza calcolata tenendo conto di prezzi equi ante-crisi.

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili, LeU, PD e Progressisti: "I giovani vanno alla deriva. Subito una nuova politica".

Data la logica emergenziale a cui è ispirato, l’intervento avrà una durata limitata: a partire dal 1° febbraio 2022 e fino al 31 dicembre 2022, sull’energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici di potenza superiore a 20 kW che beneficiano di tariffe fisse derivanti dal meccanismo del Conto Energia, non dipendenti dai prezzi di mercato, nonché sull’energia elettrica prodotta da impianti alimentati da fonte idroelettrica, geotermoelettrica ed eolica che non accedono a meccanismi di incentivazione tariffaria per differenza, è applicato un meccanismo di compensazione a due vie sul prezzo dell’energia affidato al GSE, il Gestore dei Servizi Energetici.

foto Governo.it licenza CC-BY-NC-SA 3.0 IT