Bonus famiglie: 3000 Euro per i figli a carico.

Dal Governo ecco il bonus per i figli a carico. Per i dipendenti una misura che potrebbe portare fino a 3000 euro all’anno, spiegano dal blog Prontobolletta.

“Tra crisi energetica e inflazionaria, le sfide economiche degli ultimi anni hanno messo sotto pressione numerosi nuclei familiari, rendendo sempre più difficoltoso garantire un tenore di vita adeguato e affrontare le spese quotidiane. In risposta a questa situazione, il Governo ha deciso di intervenire con una misura concreta: un bonus che può arrivare fino a 3000 euro per ciascun genitore lavoratore con figli a carico – si legge nella nota del blog -. Se ciò non fosse abbastanza, c’è un’ulteriore buona notizia: nel caso in cui entrambi i genitori lavorino e abbiano figli fiscalmente a loro carico, l’importo può raddoppiare, arrivando a un massimo di 6000 euro.

LEGGI ANCHE:  "Vini sotto le stelle", torna a Cagliari la due giorni dedicata ai prodotti enogastronimici sardi.

Per accedere a questo beneficio, è necessario che i lavoratori dichiarino al proprio datore di lavoro l’intenzione di usufruirne, fornendo anche il codice fiscale del figlio a carico. Ma non solo, è fondamentale che il reddito del figlio non superi i 2.840,51 euro, o 4.000 euro nel caso di giovani fino a 24 anni.

Secondo quanto delineato dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate, il bonus non rappresenta un trasferimento diretto di denaro. Piuttosto, viene erogato sotto forma di agevolazioni che possono essere applicate a specifici beni e servizi, come buoni spesa, buoni benzina e contributi per utenze domestiche come luce, gas e acqua. Questa scelta offre una doppia garanzia: da un lato, assicura che il bonus venga effettivamente utilizzato a sostegno della famiglia; dall’altro, evita eventuali abusi o utilizzi impropri, come ampiamento visto in occasione del bonus cultura per i 18enni.

LEGGI ANCHE:  PNRR, al via il “Piano Scuola 4.0”: 2,1 miliardi per 100.000 classi.

Tuttavia, è fondamentale prestare attenzione a determinate restrizioni. Alcune voci di spesa, come le rette scolastiche e le vacanze studio, non rientrano nel perimetro del bonus.

I termini per l’invio delle domande scadranno il 31 dicembre 2023.

foto europarl.europa.eu