Aree Rurali, Soru: “Assicurare scuola, sanità, trasporti e servizi”.

Prosegue nelle aree interne la campagna elettorale del leader della Coalizione sarda, Renato Soru, oggi in visita a Seui all’assemblea congiunta dei Consigli comunali dei paesi della Barbagia di Seulo. Una occasione per ribadire la necessità di sostenere lo sviluppo locale nell’Isola con maggiori risorse e visione.

“Abbiamo abbandonato la politica per la montagna, mentre i piccoli paesi dell’interno hanno bisogno di di salute, scuola, servizi di trasporto pubblico, di strade e anche di servizi nuovi come la fibra ottica per non continuare a sentirsi marginali”.

Paesi in cui gli studenti e studentesse sono sempre più colpiti dagli effetti del dimesionamento scolastico, in un’isola sempre meno popolata da giovani: “A causa dell’accorpamento con le altre scuole della zona dell’istituto comprensivo globale Filiberto Farci di Seui – ha detto Soru davanti ai sindaci della zona e ai cittadini -, bambini e ragazzi del paese saranno costretti, dal prossimo anno scolastico, a fare 50 km per vedere
garantito il loro diritto all’istruzione. E sono contento di vedere proprio loro e le loro famiglie in prima linea oggi a difendere la loro scuola. Sono totalmente con voi”.

LEGGI ANCHE:  Regionali, centrodestra ancora diviso. Psd'Az: "Direzione nazionale conferma Solinas".

Occasione per ribadire che la principale infrastruttura dell’isola è la scuola: “In questi ultimi decenni – prosegue -, per risanare il debito pubblico, dove si è risparmiato? Dall’unica cosa dove si dovrebbe investire di più, cioè la scuola. Dalla scuola passa il futuro non solo di queste comunità, ma di tutta la Sardegna e della stessa Italia. Dobbiamo tutelare i diritti di queste bambine e questi bambini di crescere bene, istruiti, di fare il meglio della loro intelligenze e il loro talento. La Regione può intervenire con una nuova legge sulla scuola e risorse, facendo accordi con la direzione regionale e il ministero dell’Istruzione, così da poter decidere quali zone richiedono maggiore attenzione. Non si possono lasciare 4 mila persone con il dirigente scolastico a un’ora di distanza. Non possiamo abbandonare quella scuola, quelle famiglie, quei bambini e quelle bambine”.

LEGGI ANCHE:  Alessandra Todde "pacca" l'incontro con Soru, l'ex presidente: "Non c'è niente da discutere in privato".

“Questi paesi hanno quindi bisogno di salute, scuola, servizi di trasporto pubblico, di strade. Ma hanno bisogno anche dei servizi nuovi, come la fibra ottica. I soldi ci sono. Abbiamo 3 miliardi di euro della Regione fermi, sono i soldi della programmazione finita nel 2020 e possono portare la fibra ottica in ogni casa della Sardegna. E la fibra ottica avrebbe la stessa velocità a Seui come a Oristano. Porterebbe un miglioramento per la scuola, l’assistenza sanitaria, l’avvicinamento dei servizi pubblici, possibilità di fare smart working anche da qui. Queste comunità non si sentirebbero più periferia – ha concluso Renato Soru -. C’è bisogno di tornare a fare una politica per la montagna e avere attenzione per i paesi dell’interno”.

LEGGI ANCHE:  Regionali 24, Antonello Peru: "No a imposizioni da Roma".