Antiriciclaggio: accordo Consiglio-Parlamento per la creazione di una nuova autorità.

Il Consiglio e il Parlamento hanno raggiunto oggi un accordo provvisorio sulla creazione di una nuova Autorità europea per la lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo (AMLA), il fulcro del pacchetto antiriciclaggio, che mira a proteggere i cittadini dell’UE e il sistema finanziario dell’UE. contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.

La nuova entità, nelle ambizioni dei colegislatori, avrà poteri di vigilanza diretti e indiretti sui soggetti obbligati a rischio elevato nel settore finanziario. Questo accordo esclude una decisione sull’ubicazione della sede dell’agenzia, una questione che continua ad essere discussa su un binario separato.

Considerata la natura transfrontaliera della criminalità finanziaria, la nuova autorità aumenterà l’efficienza del quadro normativo antiriciclaggio e di contrasto al finanziamento del terrorismo (AML/CFT), creando un meccanismo integrato con le autorità di vigilanza nazionali per garantire che i soggetti obbligati rispettino le norme Obblighi in materia AML/CFT  nel settore finanziario . L’AMLA avrà anche un ruolo di supporto rispetto ai  settori non finanziari e  coordinerà le unità di informazione finanziaria  negli Stati membri.

LEGGI ANCHE:  Politica di coesione UE: 2,7 miliardi di euro in più per la ripresa in Spagna, Italia e Cipro.

In aggiunta ai poteri di vigilanza e al fine di garantirne il rispetto, in caso di violazioni gravi, sistematiche o reiterate dei requisiti direttamente applicabili, l’Autorità imporrà sanzioni pecuniarie ai soggetti obbligati selezionati.

L’accordo provvisorio aggiunge poteri di vigilanza su determinati tipi di istituti creditizi e finanziari, compresi i fornitori di servizi di criptovaluta , se sono considerati ad alto rischio o operano a livello transfrontaliero.

L’autorità effettuerà una selezione degli istituti creditizi e finanziari che rappresentano un rischio elevato in diversi Stati membri. I soggetti obbligati selezionati saranno vigilati da gruppi di vigilanza congiunti guidati dalla LRD che effettueranno, tra l’altro, valutazioni e ispezioni. L’accordo affida l’autorità di supervisionare fino a 40 gruppi ed entità nel primo processo di selezione.

LEGGI ANCHE:  Giovani talenti: accordo sull'ultima raccomandazione del Consiglio europeo.

Per il settore non finanziario , l’AMLA avrà un ruolo di supporto, effettuando revisioni e indagando su possibili violazioni nell’applicazione della normativa AML/CFT. La LRD avrà il potere di emanare raccomandazioni non vincolanti. Se ritenuto necessario, le autorità di vigilanza nazionali potranno istituire volontariamente un collegio per un’entità non finanziaria che opera a livello transfrontaliero.

L’Autorità controllerà che i soggetti obbligati selezionati dispongano di politiche e procedure interne per garantire l’attuazione di sanzioni finanziarie mirate, congelamento e confisca dei beni.

L’AMLA avrà un consiglio generale composto da rappresentanti delle autorità di vigilanza e delle unità di informazione finanziaria di tutti gli Stati membri, e un comitato esecutivo, che sarebbe l’organo di governo dell’AMLA, composto dal presidente dell’Autorità e da cinque membri indipendenti a tempo pieno.

Il Consiglio e il Parlamento hanno eliminato il diritto di veto della Commissione su alcuni dei poteri del comitato esecutivo, in particolare i poteri di bilancio.

LEGGI ANCHE:  Consiglio dell'UE, Hong Kong: "Preoccupazione per la legge sulla sicurezza nazionale".

L’accordo provvisorio introduce un meccanismo rafforzato di denuncia delle irregolarità. Per quanto riguarda i soggetti obbligati, la LRD si occuperà esclusivamente delle segnalazioni provenienti dal settore finanziario. Potrà inoltre assistere alle relazioni dei dipendenti delle autorità nazionali.

Il Consiglio e il Parlamento europeo stanno attualmente negoziando i principi del processo di selezione della sede della nuova Autorità. Una volta concordato il processo di selezione, si concluderà il processo di selezione della sede e la sede verrà introdotta nel regolamento.

Il testo dell’accordo provvisorio sarà ora finalizzato e presentato ai rappresentanti degli Stati membri e al Parlamento europeo per l’approvazione. Se approvati, il Consiglio e il Parlamento dovranno adottare formalmente i testi.

Sono ancora in corso i negoziati tra il Consiglio e il Parlamento sul regolamento sui requisiti antiriciclaggio per il settore privato e sulla direttiva sui meccanismi antiriciclaggio.

Foto Denis Lomme Copyright: © European Union 2022 – Source : EP