Agricoltura, Coldiretti: “Sono oltre 100mila i posti per i giovani.

Sono almeno 100mila le opportunità per i/le giovani italiani/e in agricoltura. A dirlo l’analisi della Coldiretti presentata in occasione dell’iniziativa “Lavoro per i giovani, in agricoltura c’è” che ha visto la partecipazione del ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi.

“Nelle campagne servono figure specializzate come i trattoristi, i serricoltori, i potatori e tecnici dell’agricoltura 4.0 per guidare droni, leggere i dati metereologici ed utilizzare gli strumenti informatici ma anche raccoglitori per le verdure, la frutta e la vendemmia – spiegano dalla Coldiretti -. Per questo è necessario un piano integrato di formazione che coinvolga le scuole anche per recuperare le conoscenze antiche e vincere le sfida della rivoluzione digitale nelle campagne con gli investimenti in droni, gps, robot, software e internet delle cose che hanno raggiunto 1,6 miliardi con la crescita del 1500% nel giro di 5 anni”.

LEGGI ANCHE:  La vaccinazione col dj set. Dopo Tortolì musica fino a mezzanotte anche a Cagliari. A quando l'ingresso "in coppia" per il tampone?

Una realtà di fatto dato che l’anno scorso hanno trovato opportunità di lavoro dipendente oltre 1 milione di persone, dei quali il 32% appartenente al segmento under35 e, inoltre, il dinamismo registrato nelle campagne italiane dove aumentano le imprese agricole guidate da giovani: dato, ricordano da Coldiretti “in netta controtendenza rispetto ad altri settori produttivi”.

Nell’ultimo anno, secondo i dati dell’associazione di categoria, sono nate in media 17 nuove imprese agricole giovani al giorno, con una superficie superiore di oltre il 54% alla media, un fatturato più elevato del 75% della media e il 50% di occupati per azienda in più. A ostacolare la crescita delle giovani imprese agricole restano però le difficoltà legate all’accesso alla terra e quello al credito. Il prezzo medio di un ettaro di terreno agricolo in Italia è di 20.900 euro, ma può arrivare a cifre di 1,5 milioni di euro, come nel caso dei vigneti dei grandi vini del Nord.

LEGGI ANCHE:  Scambio di detenuti tra Italia e Romania.

Foto di Aleksandar Andjelkovic da Pixabay