Abbanoa, Desirè Manca: “Nomine inopportune”.

“Da attivo promotore del referendum ‘Spazza Abbanoa’ nel 2016, a componente del Consiglio di amministrazione della stessa società nel 2021. Se si guarda ai trascorsi di Salvatore Ledda, componente del Cda di Abbanoa di fresca nomina, è naturale porsi qualche domanda. Ma quella dell’ex consigliere comunale di Oristano, un tempo acerrimo contestatore di Abbanoa e oggi uomo di vertice, non è l’unica nomina a risultare inopportuna, poiché anche quella di Franco Piga a Presidente del Cda di Abbanoa presenta molti aspetti poco cristallini”. Questo il commento della consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Desirè Manca, firmataria di un’interrogazione indirizzata all’assessore ad interim ai Lavori Pubblici per sapere quali misure intenda mettere in campo per chiarire tutti i dubbi e le naturali perplessità legate alle nuove inopportune nomine del Cda.

LEGGI ANCHE:  Governo: sì alla compatibilità tra mediazione creditizia e immobiliare.

“La nomina si Salvatore Ledda a nuovo componente del Cda balza agli occhi. Ma risulta alquanto ambigua – prosegue la consigliera – anche la strategia messa in campo da Piga, che lo scorso 4 febbraio ha rassegnato le dimissioni, dopo l’addio dell’amministratore delegato Fernando Ferri, costringendo così la Regione a scegliere dei nuovi amministratori. Piga ha sicuramente giocato abilmente la sua partita da manager, arrivando con questa mossa ad avere la strada spianata per accomodarsi sulla poltrona più importante della Spa. Ma la Regione, azionista di maggioranza, ha il dovere di vigilare e porre fine a questi giochi di potere che non hanno mai portato ad una migliore ed efficiente gestione del servizio”.

LEGGI ANCHE:  M5s, convegno al Senato sul disagio giovanile.

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata