5 punti in 3 gare da panico. Il Cagliari verso la salvezza, pareggio alla Unipol Domus.

Finisce 2-2 la sfida tra Cagliari e Juventus all’Unipol Domus. Rossoblù strepitosi nel primo tempo e per oltre un’ora, con un dominio atletico e tecnico-tattico che culmina nel 2-0 all’intervallo, firmato dai rigori di Gaetano e Mina, procurati prima per fallo di mano di Bremer e poi per atterramento di Luvumbo da parte di Szczęsny.

Al 2′ Luvumbo subito col mancino a giro, palla fuori di poco. Al 9′ ancora Shomurodov a giro, palla out. Cagliari che comanda i ritmi, al 29′ fallo di mano di Bremer su incornata di Dossena: non sbaglia Gaetano. Al 36′ scappa via Luvumbo, brucia Gatti e Szczęsny lo stende: Mina imita il compagno e fa 2-0.

LEGGI ANCHE:  Cagliari, l'ultimo treno salvezza passa per Venezia. Agostini: “Ci giochiamo una stagione intera”. Andrea Soncin: "Evitare l’ultimo posto".

La ripresa inizia con la Juventus che preme maggiormente e produce più della prima frazione, mentre i rossoblù agiscono di rimessa. Al 62′ Vlahovic pennella col mancino la punizione concessa per presunto fallo di Nandez su Chiesa al limite dell’area: palla sul primo palo e gol. Grande battaglia in campo, il Cagliari lotta ma fatica a pungere dalle parti di Szczęsny, e all’87’ Dossena commette uno sfortunato autogol battendo Scuffet nel tentativo di respingere. Un pareggio che pesa tanto per la classifica, mancano due punti ma il trittico terribile si conclude con 5 preziosissimi punti.

Gara strepitosa, anche se viziata da alcuni episodi, come il fallo di Nandez che ha procurato la punizione del 2 a 1: “Con la Juventus non è mai finita, peccato perché potevamo evitare i due gol: il primo sulla punizione che forse non c’era, ma lascio agli altri i commenti, il secondo su autogol dopo una palla persa che dovevamo gestire meglio”, ha dichiarato Claudio Ranieri nel post partita. “Nandez mi assicura di non averlo toccato, io aspetto sempre prima di giudicare, è andata così e guardiamo avanti. Purtroppo sulla punizione la barriera non è riuscita a respingere, dispiace ma guardo sempre la positività e il bicchiere mezzo pieno”.

LEGGI ANCHE:  Vittoria di misura della Juventus, Walter Mazzarri: "Ho rivisto la mia squadra".

Cagliari-Juventus 2-2

Cagliari (3-4-2-1): Scuffet; Mina, Dossena, Hatzidiakos (42′ s.t Wieteska); Augello, Sulemana (1′ s.t Prati), Makoumbou, Nandez (33′ s.t Zappa); Gaetano (23′ s.t Deiola), Luvumbo; Shomurodov (33′ s.t Viola). All. Ranieri.

Juventus (3-5-2): Szczesny; Danilo, Bremer, Gatti; Weah (23′ s.t McKennie), Alcaraz (1′ s.t Yildiz), Locatelli (29′ s.t Milik), Rabiot, Cambiaso (41′ s.r Iling Jr); Chiesa, Vlahovic. All. Allegri.

Arbitro: Marco Piccinini di Forlì.

Marcatori: 30′ p.t rig. Gaetano (C), 37′ p.t rig Mina (C), 17′ s.t Vlahovic (J), 42′ s.t aut Dossena (J).

Ammoniti: 45′ p.t +2 Luvumbo (C), 45′ p.t +3 Weah (J), 3′ s.t Bremer (J), 15′ s.t Nandez (C).

LEGGI ANCHE:  I rossoblù inseguono la continuità, Ranieri: "Contro la Salernitana servirà un Cagliari carico a mille".

foto Cagliari Calcio/Valerio Spano