3,6 morti ogni 100.000 persone a causa dell’alcol nel 2020.

Nel 2020, nell’UE si sono verificati 193.893 decessi dovuti a disturbi mentali e comportamentali, che rappresentano il 3,7% di tutti i decessi nell’UE. I disturbi mentali e comportamentali comprendono la demenza, la schizofrenia e anche i disturbi legati all’uso di sostanze psicoattive, come la dipendenza da alcol o droghe. 

Il tasso di mortalità standardizzato dell’UE per disturbi mentali e comportamentali è stato di 39,1 decessi ogni 100.000 persone nel 2020 (da 28,6 decessi nel 2011), con un tasso di mortalità più elevato tra i maschi (40,1) rispetto alle femmine (36,8). 

Per quanto riguarda i decessi dovuti a disturbi legati al consumo di alcol, nel 2020, il tasso di mortalità standardizzato dell’UE è stato di 3,6 decessi ogni 100.000 persone, rispetto a 3,2 decessi nel 2011. 

LEGGI ANCHE:  Eurobarometro: in aumento percezione positiva sulla qualità della vita nelle regioni dell'UE.

Questo tasso è stato particolarmente elevato in alcuni paesi dell’UE: Slovenia (17,3 decessi ogni 100.000 abitanti), Polonia (10,1), Danimarca (7,3), Croazia (6,5), Austria e Lettonia (entrambi 6,2). All’altra estremità della scala, il tasso era al minimo in Grecia, Italia, Malta (tutti con 0,4 decessi ogni 100.000 persone), Spagna e Cipro (entrambi 0,5).

Tassi di mortalità per demenza in aumento nell’UE. Nel numero totale di decessi legati a disturbi mentali e comportamentali spicca la demenza. Nel 2020, tra tutti i decessi dovuti a disturbi mentali e comportamentali, la demenza è stata responsabile di 32,6 decessi ogni 100.000 abitanti, un notevole aumento rispetto al 2011 (23,3 decessi ogni 100.000 abitanti). Ciò è influenzato dall’età, poiché la demenza è la principale causa di morte a causa di disturbi mentali e comportamentali tra le persone di età pari o superiore a 65 anni. Tra i membri dell’UE, il tasso di mortalità standardizzato dovuto alla demenza era significativamente alto a Malta (80,1 decessi ogni 100.000 abitanti), Paesi Bassi (68,0), Svezia (57,5), Danimarca (53,3) e Germania (52,3). Al contrario, i tassi di mortalità più bassi dovuti a demenza sono stati registrati in Romania (0,03 decessi ogni 100.000 abitanti), Slovenia (0,5), Bulgaria (1,0) e Polonia (1,2). 

LEGGI ANCHE:  Sicurezza stradale: 4000 morti in meno sulle strade dell'UE nel 2020. Tasso di mortalità ai minimi storici.