Yes, I Startup. Il progetto dell’Anpal per la creazione di nuove imprese…forse!

L’ANPAL (Agenzia Nazionale per le politiche Attive del Lavoro) e l’Ente Nazionale del Microcredito hanno avviato il percorso di formazione “YES, I STARTUP” per incentivare la creazione di nuove imprese.

Il corso si rivolge alle categorie più fragili della popolazione attiva in Italia, ovvero giovani tra i 18 e 29 anni che non studiano e non lavorano, donne senza lavoro e disoccupati da almeno 12 mesi.

Il corso, si legge nella nota dell’Anpal, consente di acquisire le competenze specifiche attraverso percorsi di accompagnamento per mettersi in proprio o avviare un’impresa e chi partecipa verrà guidato alla strutturazione della propria idea di impresa e del business plan.

Al termine del percorso i partecipanti saranno supportati nella presentazione della domanda di finanziamento fino a 50.000€ sul fondo SELFIEmployment.

LEGGI ANCHE:  Covid-19, ISS: "L’efficacia dei vaccini a mRna resta alta".

Interessante, in merito al programma, capire come la mancanza di capitali propri – tra giovani, donne senza lavoro e disoccupati da 12 mesi – possa rendere realmente credibile qualsiasi tipo di sovvenzione per la creazione di impresa nell’attuale paradigma italiano.

Molto più probabile, nonostante i dati sui risultati condivisi da Invitalia, che il programma rappresenti l’ennesima iniziativa spot buona a far ‘circolare moneta’ tra formatori e consulenti, con il più probabile risultato di svilire ulteriormente le ambizioni dei segmenti più vulnerabili della popolazione potenzialmente attiva del nostro Paese.