Volontariato: l’Università di Genova riconosce 3 crediti agli studenti.

Incentivare i giovani verso il mondo del volontariato. E’ questa in sintesi la strategia adottata dall’Università di Genova che, in collaborazione con il Centro di servizio per il volontariato locale, ha deciso di attribuire crediti formativi agli studenti e alle studentesse impegnati in percorsi di volontariato.

“Possono partecipare sia gli studenti che vogliono intraprendere un’attività di volontariato, sia quelli che la stanno già svolgendo in autonomia in un ente del terzo settore riconosciuto dall’ateneo. Il modulo prevede un impegno complessivo di 75 ore, che comprendono l’orientamento e la formazione iniziali e un minimo di 60 ore da dedicare all’attività scelta”, fanno sapere dall’Università di Genova.

LEGGI ANCHE:  Fitto casa studenti: contributi per l'abbattimento dei costi

“Un’esperienza di volontariato non si può raccontare, bisogna provarla. – afferma Maria Giulia Pastorino, responsabile della promozione del volontariato del Celivo e referente del progetto UNIverso – Le testimonianze dei ragazzi sono positive: fare volontariato aiuta a scoprire gli altri ma anche se stessi, apre gli occhi sul mondo, permette di conoscere nuovi ambienti e persone, ma soprattutto responsabilizza e incita a esser parte attiva della società. Con UNIverso i giovani hanno anche l’appoggio e il riconoscimento dell’Università degli Studi, un ulteriore incentivo per mettersi in gioco”.

“L’attribuzione di CFU all’attività di volontariato vuole essere un segnale dell’importanza che l’Università di Genova riconosce a questa esperienza – prosegue Michela Tonetti, docente di Medicina sperimentale in UniGe -. I CFU non sono un premio o un modo per attirare studenti, ma attestano l’acquisizione di competenze fondamentali, diverse da quelli che si possono ottenere all’interno di un’aula universitaria e che contribuiscono alla crescita personale e professionale degli studenti”.

LEGGI ANCHE:  Un webinar pubblico per la promozione della cittadinanza attiva e della partecipazione giovanile.

foto https://www.celivo.it/