Utenze energetiche, ASEL Sardegna: “Dramma anche per i piccoli comuni”.

Le bollette energetiche rappresentano un dramma anche per i piccoli Comuni della Sardegna. A ricordarlo oggi è stata l’Associazione dei Comuni Sardi che, attraverso una lettera inviata al presidente della Regione, Christian Solinas, ha chiesto risorse per coprire il disavanzo tra le spese degli anni scorsi e quelle previste per il 2022.

Prendendo spunto dal “grido d’allarme” del Comune di Cheremule, dove le spese per l’energia elettrica sono passate da 64 a oltre 118 mila euro – risorse esagerate per il piccolo comune del Meilogu , con appena 500 abitanti – l’ASEL, si è fatta carico della denuncia dei piccoli comuni e della richiesta di destinare risorse ai comuni sardi, in particolare per quelli di piccole dimensioni, in un prossimo provvedimento legislativo.

LEGGI ANCHE:  Disoccupazione giovanile, per l'Istat cala al 22,1%.