Un gol di Kolind-Jorgensen ai supplementari spezza il sogno della Primavera di Agostini.

Sfuma il sogno delle semifinali in Coppa Italia per il Cagliari di Agostini. Al 2’ di recupero dei supplementari Kolind-Jorgensen servito con un cross di Amione, viola la porta di D’Aniello portando l’Hellas Verona di Nicola Corrent in semifinale.

Partita, intensa e giocata a viso aperto da ambo le parti, confermando l’Hellas Verona bestia nera della Primavera rossoblù in Coppa Italia, dopo la vittoria di 6-1 negli ottavi di finale di coppa della scorsa stagione. Cagliari sfortunato contro il portiere scaligero Azenar oggi in stato di grazia. Nel conto, anche un gol annullato a Sangowski per un fuorigioco abbastanza dubbio.

Cagliari che si presenta col 4-2-3-1, con D’Aniello in porta, difesa a quattro con Zallu, Boccia, Cusumano e Michelotti, in mezzo Schirru e Cavuoti a fungere da doppio play, e attacco composto da Luvumbo, Kouda e Desogus a sostegno della punta centrale Contini

Primo brivido per il Cagliari con Cancellieri al 5′. Parata sicura dell’estremo difensore D’Aniello. All’8’ Desogus scende sul settore mancino, cross che spiove dalla parte opposta, Luvumbo rimette al centro al volo verso Contini, Azanar in tuffo allunga una mano e allontana.

Nell’Hellas Cancellieri è l’elemento più pericoloso per D’Aniello: al 22’ dalla trequarti, si porta verso il centro sparando sul portiere rossoblù. D’Aniello blocca.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato rossoblù: Despodov ceduto al Ludogorets.

Risposta del Cagliari al 24’ con Contini sulla destra, cross al centro per Desogus, preceduto per un soffio da Coppola. Al 26’ punizione di Desogus, sfiora di testa Contini, Kouda ha la palla buona per la deviazione vincente, ma l’impatto non è dei migliori.

Ancora pericolo per il Cagliari con Cancellieri: al 31’ fila via in veloce ripartenza e cerca l’incrocio dei pali con un sinistro maligno dal limite, il pallone scende pericolosamente ma sorvola la traversa. Poco dopo al 39′ l’occasione passa per i piedi del Cagliari: Desogus crossa basso per Kouda preceduto di un niente da Calabrese

Si va negli spogliatoi sullo 0-0. Al 47’ Cagliari vicinissimo al gol: punizione di Cavuoti dalla trequarti destra, Pierobon devia in angolo sfiorando l’autogol. Poco dopo Michelotti insidioso con una staffilata potente, Azanar si salva in angolo. Agostini dopo pochi minuti sostituisce Luvumbo per Tramoni.

Occasionissima per il Cagliari al 57’: nuova discesa di Michelotti, palla al centro per Contini che controlla in piena area e cede dietro a Desogus, libero di calciare a botta sicura, conclusione deviata e angolo.

Nell’Hellas, Squarzoni rileva Turra. Doppia sostituzione al 64’ per Agostini, con Kourfalidis e Piga al posto di Desogus e Zallu. Dopo queste mosse, Cavuoti avanza sulla sinistra, Kourfalidis si sistema in mezzo con Schirru. Nuova sostituzione nell’Hellas al 69’: Kolind-Jorgensen per Jocic.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato: Paulo Azzi alla "corte" di Claudio Ranieri.

Sale in cattedra Azanar, bravissimo prima a togliere dall’angolino un piazzato di Tramoni, liberatosi da due avversari in dribbling sulla destra, poi a mandare in corner un colpo di testa di Kouda. Risposta Hellas con un velenoso rasoterra di Squarzoni. Ottima la reazione di D’Aniello.

Al 77’ nell’Hellas Bertini sostituisce Cancellieri. Poco dopo Kouda per Contini in verticale, destro fuori misura. All’80’ dentro Sangowski per l’esausto Cavuoti, Contini si sposta sulla sinistra.

Brivido al 92’: Yeboah fugge alla difesa rossoblù per presentarsi solo davanti al portiere, si allunga troppo il pallone nel controllo, D’Aniello è strepitoso in uscita bassa a chiuderlo bloccando il pallone in maniera regolare. Finisce 0-0, si va ai supplementari.

Nell’extra-time Agostini fa entrare Palomba per Cusumano. Al 10’ occasione Cagliari: Tramoni supera il suo avversario diretto e crossa per Contini, che non trova la porta. Grandissima chance non concretizzata dal Cagliari. Il primo tempo supplementare si chiude con un destro di Amione dal limite, alto.

Episodio dubbio al 4’: Contini vince un contrasto a centrocampo, offre a Tramoni che indovina il corridoio giusto in verticale per Sangowski, il polacco mette dentro ma l’arbitro ferma il gioco: l’assistente ravvisa una posizione irregolare di partenza dell’attaccante del Cagliari.

LEGGI ANCHE:  Cristiano Ronaldo e Klavan affossano il Cagliari

Passano un paio di minuti: gioco di prestigio di Tramoni dalla destra, tiro da posizione decentrata, Azanar ribatte col volto, poi Contini da due passi cerca di piazzarla ma il pallone è debole, para ancora il portiere. Azanar in stato di grazia: all’11’ cross di Michelotti, Contini tutto solo gira di testa, miracolosa la respinta del portiere, raccoglie ancora Contini, destro a cercare l’incrocio dei pali, fuori di poco.

Al 122′ quando l’esito della gara faceva protendere per i rigori Kolind-Jorgensen segna il gol della vittoria sugli sviluppi di una azione corale Bragantini-Amione: cross basso, arriva Kolind-Jorgensen e tocca alle spalle di D’Aniello.

Cagliari-Hellas Verona 0-1

CAGLIARI: D’Aniello, Zallu (64’ Piga), Michelotti, Boccia, Schirru, Cusumano (91’ Palomba), Desogus (64’ Kourfalidis), Kouda, Contini, Cavuoti (80’ Sangowski), Luvumbo (55’ Tramoni) – In panchina Ciocci, Fusco, Iovu, Sulis, Guadagnoli, Delpupo – All.: Agostini.

HELLAS VERONA: Azanar, Bernardi, Amione, Coppola, Astrologo, Calabrese, Pierobon, Turra (61’ Squarzoni), Yeboah (119’ Bragantini), Jocic (69’ Kolind-Jorgensen), Cancellieri (77’ Bertini) – In panchina Ogliani, Fornari, Bracelli, Ilie, Diaby, Florio – All.: Corrent.

ARBITRO: Garofalo di Torre del Greco.

RETE: 122’ Kolind-Jorgensen.