Ucraina: l’UE accetta di estendere il campo di applicazione delle sanzioni a Russia e Bielorussia.

La Commissione europea ha accolto con favore oggi l’accordo siglato dagli Stati membri per l’adozione di ulteriori sanzioni alla Bielorussia, partner della Russia nell’aggressione all’Ucraina.

In particolare, le nuove misure impongono misure restrittive a 160 persone e modificano il regolamento (CE) 765/2006 e il regolamento (UE) 833/2014. “Questi emendamenti – ricordano dalla Commissione europea – creano un più stretto allineamento delle sanzioni dell’UE nei confronti di Russia e Bielorussia e contribuiranno a garantire in modo ancora più efficace che le sanzioni russe non possano essere aggirate, anche attraverso la Bielorussia”.

Per la Bielorussia, le misure introducono l’esclusione dallo SWIFT per gli istituti bancari Belagroprombank, Bank Dabrabyt e Development Bank of the Republic of Belarus, nonché per le loro filiali. Proibite, ancora, le transazioni con la Banca centrale della Bielorussia relative alla gestione di riserve. Sono vietate inoltre la quotazione e la fornitura di servizi in relazione ad azioni di entità statali bielorusse nelle sedi di negoziazione dell’UE a partire dal 12 aprile 2022, la fornitura di banconote in euro alla Bielorussia e vietata l’accettazione di depositi bancari superiori a 100mila euro per i cittadini o residenti bielorussi e la vendita di titoli denominati in euro a clienti bielorussi.

LEGGI ANCHE:  Bielorussia, Teresa Ribeiro (OCSE): "Rilasciare tutti i giornalisti detenuti".

Per la Russia , la decisione dei Paesi membri introduce nuove restrizioni all’esportazione nel campo della sicurezza marittima e delle tecnologie delle comunicazioni radio.

Altre 160 persone, infine, sono state inserite nell’elenco delle sanzioni: 14 oligarchi e importanti uomini d’affari coinvolti in settori economici chiave della Federazione Russa, in particolare nei settori metallurgico, agricolo, farmaceutico, delle telecomunicazioni e digitale, nonché i loro familiari; 146 membri del Consiglio della Federazione Russa , che hanno ratificato le decisioni del governo in occasione del riconoscimento delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk.

Complessivamente, le misure restrittive dell’UE ora si applicano a un totale di 862 persone e 53 entità.

foto Kremlin.ru