Turismo lento. La Regione presenta i cammini turistici e religiosi.

Ieri a Milano, l’assessore regionale al Turismo Gianni Chessa ha presentato il programma “Sardegna, terra di cammini tutto l’anno”, contenente le indicazioni sui cammini turistici e religiosi dell’isola, ricca di borghi e destinazioni di pellegrinaggio.

“La Sardegna – ha detto l’assessore Chessa -, è riuscita a custodire il suo valore più prezioso, più intimo, in un’armonia unica e incomparabile, nel cuore del Mediterraneo. Ancora oggi è uno scrigno di storie e luoghi poco conosciuti, è un’isola che offre infinite sfaccettature che la rendono una destinazione turistica ricca di fascino e suggestione. Con oltre 1.400 eventi fra rassegne popolari e sagre, di cui 940 feste religiose, la Sardegna – ha sottolineato l’assessore Chessa -, resiste all’usura dei secoli e alla globalizzazione dell’offerta dei prodotti turistici”.

LEGGI ANCHE:  Sassari: lo Sportello stranieri si contatta con una videochiamata.

Turismo lento e sostenibile, cultura e spiritualità, senso di comunità e accoglienza sono i cardini del progetto attivato nel 2012 dall’Assessorato regionale del Turismo, ha ricordato Chessa. Una proposta articolata in Cammini di Sardegna, Destinazioni di pellegrinaggio e Luoghi francescani, ciascuno capace di offrire un’esperienza intima e introspettiva, di coniugare le dimensioni spirituale e culturale in centri caratterizzati da profonda devozione.