Transnistria, Thomas Mayr-Harting: “Cittadini hanno bisogno di impegno da ambo le parti”.

Durante l’ultima visita in Moldova il Rappresentante speciale OSCE, Thomas Mayr-Harting, ha ricordato negli incontri con gli esponenti dello Stato Moldavo e della Repubblica della Transnistria, le priorità per il processo di risoluzione del conflitto.

Tra le questioni chiave ricordate da Mayr-Harting la protezione dei diritti umani, la libertà di movimento, la tutela dell’integrità territoriale della Repubblica di Moldova e dello status speciale per la Transnistria.

“Il nuovo anno ha registrato l’avvio di incontri costruttivi tra i negoziatori. Le persone su entrambe le rive del Dniester hanno bisogno di un vero impegno per mettere da parte le differenze e fare progressi nel processo di risoluzione delle controversie”.

LEGGI ANCHE:  Libia: Fassino incontra Presidente dell’Alto Consiglio di Stato.

Nel corso della visita in Moldova, Mayr-Harting ha incontrato la presidente dello Stato, Maia Sandu, il primo ministro facente funzioni e ministro degli affari esteri, Aureliu Ciocoi, e il vice primo ministro, Olga Cebotari, mentre nella capitale della Transnistria, Tiraspol, si sono svolti gli incontri con il leader Vadim Krasnoselsky e il capo negoziatore Vitaly Ignatiev.

“Abbiamo concordato con le parti di concentrarci sulla piena e continua attuazione del pacchetto ‘Berlin-plus'”, ha detto Mayr-Harting, incoraggiando inoltre le parti a promuovere il ruolo delle donne nel processo di risoluzione.

Foto OSCE/IgorSchimbator