“Smentiti i detrattori di legalità”. La lettera aperta di Sardegna Solidale.

Negli scorsi giorni Sardegna Solidale, storica organizzazione che raggruppa la maggioranza delle associazioni di volontariato sarde, ha emanato una comunicazione nella quale si stigmatizza lo svolgimento della procedura di attribuzione del ruolo di Centro Servizio per il Volontariato per la Regione Sardegna. I Centri Servizi per il Volontariato hanno per legge la funzione di coordinare in ogni regione il settore del volontariato. Qui di seguito il contenuto della lettera aperta.

<< Ricordate la delirante richiesta presentata alla Regione Sardegna dalla presidente di una sedicente ODV che ha partecipato a un bando pubblico pur non avendone i requisiti essenziali e che addirittura ha vinto quel bando? Era il 24 ottobre 2022 e la richiesta mirava alla cancellazione di Sardegna Solidale dal registro delle persone giuridiche.
Due giorni dopo l’ONC doveva deliberare sull’ammissibilità di Sardegna Solidale al Bando 2022 per l’accreditamento di un CSV in Sardegna, dopo la nostra clamorosa esclusione dal primo Bando 2021 (per cui pende il processo al Consiglio di Stato). La richiesta mirava a insinuare che la documentazione di Sardegna Solidale non era corretta e che, pertanto, non potevamo essere ammessi al Bando 2022 per l’istituzione di un CSV in Sardegna.
Ricordate l’Interrogazione n. 1657/A firmata dai consiglieri regionali GANAU (PD) – COMANDINI (PD) – CORRIAS (PD) – DERIU (PD) – MELONI (PD) – MORICONI (PD) – PINNA (PD) – PISCEDDA (PD) – CADDEO (Alleanza Europa Verde – Sinistra – Possibile – Art.1) – ORRÙ (Alleanza Europa Verde – Sinistra – Possibile – Art.1) – SATTA Gian Franco (Progressisti) – ZEDDA Massimo (Progressisti)?
Era il 26 ottobre 2022. E lo stesso giorno l’ONC doveva deliberare sull’ammissibilità di Sardegna Solidale al secondo Bando 2022 per l’accreditamento di un CSV in Sardegna: anche in questo caso occorreva insinuare che la documentazione di Sardegna Solidale non era corretta e che, pertanto, non potevamo essere ammessI al Bando per l’istituzione di un CSV in Sardegna.
Ma l’interrogazione di Ganau e compagni ha permesso di svelare chi sono i referenti politici della sedicente ODV nostra concorrente e quindi i veri nemici politici di Sardegna Solidale: sono usciti definitivamente allo scoperto, scrivendo fandonie e falsità. Le due iniziative avevano lo stesso scopo ma sono andate male.

LEGGI ANCHE:  Incendi boschivi: 19 richieste di intervento tra Sicilia, Calabria e Sardegna.

Il 27 ottobre 2022 infatti l’ONC ci ha inviato la seguente scarna comunicazione: “Ai sensi dell’art. 5, c. 6 della Procedura di accreditamento ai sensi dell’art. 61 e dell’art. 101, comma 6 terzo periodo, del d.lgs. 3 luglio 2017, n.117 – Codice del terzo settore ambito territoriale: Sardegna, si comunica che il Consiglio di Amministrazione dell’ONC ha deliberato l’ammissibilità della candidatura presentata dall’Associazione Centro di Servizio per il Volontariato Sardegna Solidale ODV. Cordiali saluti. Segreteria Generale Fondazione ONC.”. Si trattava di una comunicazione molto importante in quanto confermava che tutta la documentazione presentata da CSV Sardegna Solidale ODV era in regola.

Il 24 gennaio 2023 è arrivato l’atto pubblico che risponde agli attacchi sopra descritti. Il Direttore dell’Ufficio regionale del RUNTS determina l’iscrizione “con personalità giuridica”, dell’Ente ASSOCIAZIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO SARDEGNA SOLIDALE- in breve – CSV SARDEGNA SOLIDALE nella Sezione ODV del RUNTS”.
La determina dichiara che “l’istruttoria finalizzata all’iscrizione nella Sezione ODV del RUNTS svolta dal Responsabile del procedimento si è positivamente conclusa”.

LEGGI ANCHE:  Consiglio regionale della Sardegna: 'never ending' inerzia.

Non è stata rilevata alcuna irregolarità, tutta la documentazione è in regola. Sono state quindi smentite le deliranti richieste della presidente della sedicente ODV e, ancor di più, è stata smentita l’Interrogazione di Ganau e compagni. Ma l’opaca vicenda dell’accreditamento del CSV in Sardegna continua. E’ anomalo (per non dire altro) che la valutazione dei due candidati si sia prolungata dal 01/7/22 AL 28/12/22 (sei mesi!): dopo gli attacchi sferratoi contro di noi a ottobre 2022 i
nostri nemici hanno dovuto studiare bene come comportarsi per farci fuori e per far sembrare che tutto fosse in regola per cui, alla fine, hanno scelto di dare un punteggio bassissimo al nostro progetto, addirittura inferiore al minimo dei 70 punti. Si tratta di un gioco sporco per cui abbiamo presentato all’’ONC la richiesta di accesso agli atti della procedura di accreditamento 2022 e siamo in attesa di poter visionare tutta la
pratica.
Siamo anche venuti in possesso di copia della comunicazione sms fatta da un membro dell’OTC Sardegna che, ben una settimana prima della delibera, anticipava l’esito finale della procedura rendendo evidente che tutto era stato pianificato ai nostri danni al di là delle formalità. In tutta questa vicenda l’immagine dell’ONC, del nostro concorrente e dei suoi referenti politici ne viene fuori pesantemente compromessa.
Sia chiaro che non rinunceremo a far valere le nostre ragioni in tutte le sedi, giurisdizionali e politiche, locali e nazionali, affinchè sia fatta chiarezza su questa vicenda. La pluriennale esperienza di successo di Sardegna Solidale e l’impegno di migliaia di volontari sardi non possono finire a causa di un intrigo politico-amministrativo. E, ne siamo certi, non mancheranno le sorprese.>>

LEGGI ANCHE:  Consiglio regionale. Si torna in Aula il 3 giugno.