Simone Aresti e Nicolas Viola incontrano gli studenti cagliaritani.

Continuano le visite dei calciatori del Cagliari calcio nelle scuole sarde. Oggi Simone Aresti e Nicolas Viola hanno incontrato gli studenti del Liceo scientifico “Michelangelo” di Cagliari, rispondendo alle loro domande e curiosità: le difficoltà di riuscire a diventare un professionista ai massimi livelli, i sogni realizzati e le soddisfazioni dentro e fuori dal campo.

Fondamentale il ruolo della famiglia, come ha ricordato Aresti: “I miei genitori hanno fatto tanti sacrifici, dovendo spostarmi spesso ad un’ora da Narcao, il mio paese d’origine, per allenarmi, non sarebbe stato possibile senza la loro disponibilità”. Una passione per il calcio e per il Cagliari “trasmessa da mio zio – continua Simone – fedelissimo abbonato in Curva Nord. Ogni domenica venivamo allo stadio in auto e al ritorno ascoltavamo tutte le interviste alla radio, sicuramente lui è stato decisivo nel mio percorso e nell’alimentare le mie passioni”.

LEGGI ANCHE:  Talenti per la Comunità: al via il primo "cantiere" nazionale per nuovi leader.

“Sognate in grande – ha aggiunto Nicolas Viola– non mollate mai. Le difficoltà arriveranno ma dovete essere bravi a superarle”.

foto Cagliari Calcio