Sicurezza: l’intelligence italiana è alla ricerca di nuovi “agenti segreti”.

Il Sistema di Informazione per la Sicurezza della Repubblica seleziona nuovi agenti segreti. Per la tutela degli interessi strategici in campo politico, militare, economico, scientifico e industriale del Paese l’intelligence italiana, in particolare, è alla ricerca di professionalità esperte nel campo dell’intelligenza artificiale (machine learning engineer, data scientist, big data engineer) del red teaming e penetration testing (cyber threat intelligence, malware analysis e digital forensics), delle minacce WMD, algoritmica, fotointerpretazione di immagini satellitari, scienze comportamentali e attività di profiling e archivistica.

Oltre alle competenze tecniche, fanno sapere dall’intelligence, è richiesta affidabilità, forte senso di responsabilità e di attaccamento alle Istituzioni dello Stato, nonché comprovate doti di riservatezza.

All’esito di un preliminare screening curriculare, i candidati saranno sottoposti alle previste procedure selettive, comprendenti la verifica delle conoscenze e competenze tecniche, dell’idoneità psico-fisica e attitudinale e dei requisiti di affidabilità e sicurezza.

LEGGI ANCHE:  Abbondono scolastico, Eurostat: "Italia al 5° posto in UE".

L’eventuale assunzione avverrà in una qualifica definita sulla base degli esiti della selezione, dei titoli di studio e delle esperienze professionali del candidato.

Relativamente all’avviso di ricerca la presentazione delle candidature è aperta fino alle ore 24:00 del 31 maggio 2024

Per tutti i giovani ad alto potenziale e fortemente motivati ad un impiego nel Sistema di Informazione per la Sicurezza della Repubblica, infine, resta sempre aperta la possibilità di presentare la propria candidatura spontanea attraverso la procedura on line della sezione “Lavora con noi”. Tra i profili professionali ricercati si cercano sviluppatori software, esperti in attività HUMINT di ricerca informativa e analisti in ambito geopolitico.

LEGGI ANCHE:  Le beffe regionali, Confcommercio e Confesercenti: "Nonostante la crisi dei pubblici esercenti la Regione regola la vendita dei pasti nelle case degli agricoltori".

foto sw_reg_03 da pixabay.com