Secondo Rapporto AIFA sulla sorveglianza dei vaccini COVID-19. I dati confermano i profili di sicurezza.

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha pubblicato il secondo Rapporto di farmacovigilanza sui vaccini Covid-19, sui dati registrati nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza (RNF) fino al 26 febbraio 2021, segnalazioni che riguardano soprattutto il vaccino Pfizer/BioNTech Comirnaty (96%), attualmente il più utilizzato e, in minor misura, il vaccino Moderna (1%) e il vaccino AstraZeneca (3%).

Complessivamente al 26 febbraio 2021 nella RNF sono state valutate 30.015 segnalazioni su un totale di 4.118.277 dosi somministrate per tutti i vaccini, con un tasso di segnalazione di 729 ogni 100.000 dosi. Un tasso più elevato di quello che abitualmente si osserva per altre vaccinazioni, per esempio quella antinfluenzale, ma coerente con i risultati degli studi clinici e indicativo della speciale attenzione dedicata a questa vaccinazione. 

LEGGI ANCHE:  Nuova Ordinanza sindacale. Chiusa la scuola media Manno.

L’età media, secondo il rapporto del’AIFA, è di 46 anni coerente con l’età media dei vaccinati, in gran parte operatori sanitari. Il 93,6% delle segnalazioni è riferito a eventi non gravi.

Per tutti e tre i vaccini gli eventi avversi più segnalati sono febbre, cefalea, dolori muscolari/articolari, dolore in sede di iniezione, brividi e nausea (il 93% delle segnalazioni). Gli eventi segnalati sono insorti prevalentemente lo stesso giorno della vaccinazione o il giorno successivo (87% dei casi). La frequenza cumulativa di segnalazioni, ancora, non è differente tra prima e seconda dose per i vaccini Pfizer e Moderna, mentre per il vaccino AstraZeneca non vi sono ancora iniezioni di seconde dosi previste dopo 12 settimane.

LEGGI ANCHE:  Oristano oggi si registrano tre nuovi casi di positività al Covid-19.

Le segnalazioni gravi, per le quali è in corso la valutazione del nesso causale con le vaccinazioni, corrispondono al 6,1% del totale, con un tasso di 44 eventi gravi ogni 100.000 dosi somministrate, indipendentemente dal tipo di vaccino e dalla dose somministrata.

foto ©Andrea Sabbadini