Scuole secondarie di II grado, definiti i criteri per l’erogazione delle borse di studio.

Sono stati definiti i criteri e le modalità organizzative per l’assegnazione delle borse di studio a favore degli studenti iscritti agli Istituti della scuola secondaria di secondo grado del Sistema nazionale di istruzione per l’anno scolastico 2022/2023. Alla Regione Sardegna, dopo la ripartizione delle risorse del Fondo Unico per il welfare dello studente, sono stati assegnati 1 milione e 273 mila euro.

Adesso spetterà ai comuni ricevere le istanze e trasmettere alla Regione gli elenchi delle domande ammissibili, affinché la stessa Regione possa redigere la graduatoria unica regionale in ordine crescente di ISEE, riconoscendo la precedenza allo studente più giovane d’età in caso di parità di ISEE.

LEGGI ANCHE:  Diritto allo studio: 3,8 milioni di euro per i contributi fitto casa.

L’elenco degli studenti beneficiari sarà poi trasmesso al Ministero dell’Istruzione e del Merito, il quale provvederà ad effettuare i pagamenti agli studenti.

Nel dettaglio, per l’isola, è stato proposto di individuare il valore di 14.650 euro il limite massimo dell’ISEE delle famiglie degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado statali e paritarie che potranno beneficiare della borsa di studio e di confermare l’importo della borsa di studio in 200 euro.

Gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado che non potranno accedere o beneficiare della borsa di studio nazionale potranno beneficiare della borsa di studio regionale che sarà attivata con “successivi provvedimenti”, fanno sapere dalla Giunta regionale.

LEGGI ANCHE:  Recovery Fund, Cesare Moriconi: "Dalla Giunta lacrime di coccodrillo, la Sardegna deve conoscere la verità".