Sanzioni contro la Russia: congelamento dei beni in UE per Vladimir Putin e Sergey Lavrov.

L’UE ha deciso oggi di inserire nell’elenco delle sanzioni Vladimir Putin e Sergey Lavrov, rispettivamente, il presidente e ministro degli affari esteri della Federazione russa. Il Consiglio ha inoltre convenuto un ulteriore pacchetto di misure individuali ed economiche a carico di entità e persone bielorusse.

Il pacchetto di sanzioni comprende anche sanzioni ai restanti membri della Duma di Stato russa, che hanno ratificato la decisione del governo sul Trattato di amicizia, cooperazione e mutua assistenza tra la Federazione russa e le repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk.

Le misure restrittive individuali si applicheranno, quindi, ad un totale di 654 persone fisiche e 52 entità, congelandone i beni detenuti nell’UE. Inoltre, sarà applicato il divieto di viaggio nei territori dell’Unione alle persone inserite nell’elenco delle sanzioni.

LEGGI ANCHE:  Russia, l'UE prolunga le sanzioni economiche.

Ampliate, ancora, le restrizioni finanziarie esistenti, tagliando così l’accesso russo ai più importanti mercati dei capitali. Vietata inoltre la quotazione di azioni di entità statali russe nelle sedi di negoziazione dell’UE e limitati in modo significativo gli afflussi finanziari dalla Russia verso l’UE, vietando l’accettazione di depositi superiori a determinati valori da cittadini o residenti russi, la detenzione di conti di clienti russi da parte dei depositari centrali di titoli dell’UE.

L’UE vieterà, infine, la vendita, la fornitura, il trasferimento e l’esportazione in Russia di beni e tecnologie nella raffinazione del petrolio e introdurrà restrizioni alla fornitura dei servizi correlati. Con l’introduzione di tale divieto di esportazione, l’UE intende colpire il settore petrolifero russo.

LEGGI ANCHE:  Sport, ECR: interrogazione sulla partecipazione degli atleti trasgender alle gare femminili.

foto Kremlin.ru