Sanità, i sindaci chiedono l’intervento del Prefetto.

Il Sindaco di Oristano Massimiliano Sanna e i presidenti dei Distretti sanitari di Ghilarza-Bosa, Ales-Terralba e Oristano, Stefano Licheri, Francesco Mereu e Luigi Tedeschi, hanno consegnato un documento al Prefetto Salvatore Angieri per denunciare le gravi condizioni in cui versa la sanità nel territorio.

Il documento, frutto di un vertice tra i presidenti di distretto, prende atto dell’inadeguatezza dei servizi sanitari per i/le cittadini/e di Oristano e provincia.

“Le soluzioni più volte annunciate, durante le numerose riunioni, tardano a concretizzarsi e le comunità locali soffrono in maniera sempre più evidente per la carenza dei servizi sanitari, tanto che tutti i Sindaci manifestano una crescente preoccupazione per l’ordine pubblico – si legge nel documento -. A fronte di una situazione tanto critica è stato dunque proposto il coinvolgimento dei medici delle Forze Armate che in altri momenti di crisi, ad esempio durante l’emergenza Covid, hanno saputo offrire il supporto necessario a garantire il mantenimento dei servizi sanitari alle popolazioni”.

LEGGI ANCHE:  Lavoro: 'introvabili' quasi 4 profili su 10.

I Presidenti dei Distretti si sono, quindi, rivolti al Prefetto, in qualità di organo amministrativo periferico dello Stato, per sollecitare il Governo e la Regione perché si attivino con maggiore incisività per risolvere le numerose e gravi criticità presenti nella sanità territoriale.

Chiesta, inoltre, la pubblicazione dei bandi di concorso per il personale sanitario, il potenziamento degli Ascot per il 2024 e l’immediato reintegro in servizio in chiave volontaria dei medici in pensione.

Altro punto trattato riguarda il potenziamento degli organici dei reparti degli ospedali della provincia di Oristano su cui gravano evidenti e prolungate carenze anche al fine della riduzione delle liste d’attesa.

Infine, si propone l’attivazione di un tavolo interistituzionale per l’impiego straordinario nel servizio civile dei medici delle forze armate.

LEGGI ANCHE:  Oristano. Crescono i casi di positività nelle scuole. I dirigenti scolastici: "Non è più possibile andare avanti".