Regionali 2024. Truzzu ci crede… purtroppo!

In Italia, spesso, chi lavora male riceve una promozione. Una regola (ahinoi) che potrebbe portare l’attuale sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, a ricevere l’investitura per la guida della coalizione di centrodestra alle prossime elezioni regionali del 2024.

Dopo aver amministrato (ricordiamolo, con magri risultati) la città di Cagliari, il rischio che la proposta numero 1 di Fratelli d’Italia possa realmente puntare a Villa Devoto non è così remoto, con la probabilità di estendere il campo territoriale di insuccessi a tutto il territorio regionale. Insomma, il popolo sardo (forse meritevole di questa calamità) potrebbe assistere ad un’altra Legislatura, caratterizzata da mancanza di visione e capacità amministrativa. In linea, quindi, con quanto rilevato nel corso dell’ultimo mandato regionale.

LEGGI ANCHE:  Garanzia Giovani: 7500 tirocini per i giovani calabresi.

A ricordarcelo, semplicemente, la constatazione di quanto fatto dal 2019 alla guida della città, dove lo stesso primo cittadino non ha mancato di disattendere tutta una serie di promesse elettorali, a partire dalle politiche giovanili.

Ma dall’Eurohotel di Nùoro, vista la dichiarazione di Paolo Truzzu, secondo il quale “l’onere di costruire la coalizione spetta a Fratelli d’Italia”, sembrerebbe che tali considerazioni non siano minimamente prese in considerazione, con il grande rischio di sedimentare, inoltre, la frattura con il Governatore uscente Christian Solinas e sostenere un candidato presidente che, fuori dalle città della Sardegna, potrebbe raccogliere un magro bottino di consensi.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata

LEGGI ANCHE:  Crisi nel Donbas, Confartigianato Sardegna: "A rischio Export manifatturiero e turismo".