Recovery fund, Massimo Zedda: “Solinas riferisca in Consiglio regionale”.

Dopo aver preso atto della trasmissione al Governo nazionale dell’elenco dei progetti per la definitiva stesura del ‘Recovery plan’ da parte della Giunta regionale, il gruppo dei Progressisti in Consiglio regionale, attraverso il consigliere Massimo Zedda, ha chiesto al Presidente della Regione, Christian Solinas, di riferire al più presto sul piano degli interventi lamentando, nel contempo, l’assenza di concertazione con le organizzazioni economiche e sociali dell’isola: “Sul Fondo per la ripresa (Recovery fund) è necessario che il presidente riferisca al più presto in Consiglio regionale. Quali sono i progetti presentati al Governo? Con chi ha valutato le azioni che dovrebbero portare in Sardegna risorse ingenti e determinanti per il futuro dell’Isola? Quale metodo è stato adottato e quanti incontri sono stati organizzati per l’elaborazione dei progetti? Sono state coinvolte le organizzazioni del tessuto economico e produttivo, i sindacati, i Comuni,  la Conferenza Episcopale Sarda, la scuola, gli atenei, i centri di ricerca, le reti delle professioni, il sistema portuale e aeroportuale, i consorzi industriali e il sistema bancario? In definitiva – prosegue Zedda – è stata coinvolta la società sarda? L’Europa indica come propedeutici, prima della presentazione dei piani, il confronto con tutti i portatori di interesse: non c’è stato alcun dibattito pubblico, in presenza o online”.

LEGGI ANCHE:  Vaccini, Desirè Manca: "Piano regionale inesistente".

In particolare, sui temi indicati dall’Europa, come la riconversione ambientale ed ecologica, innovazione tecnologica, conoscenza, inclusione sociale e salute, per l’esponente dei Progressisti “è indispensabile il coinvolgimento della società e della politica sarda per una stagione di pianificazione strategica che interesserà in termini di sviluppo e occupazione i prossimi 30 anni”.

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata