Question time, Giorgio Oppi: “Si deve applicare il regolamento”.

Alla ripresa dei lavori della seduta pomeridiana, dopo le formalità di rito il Consiglio ha proseguito l’esame dell’ordine del giorno con il Testo unico in materia di energia.

Sull’ordine dei lavori è intervenuto il consigliere Giorgio Oppi (Udc-Cambiamo), lamentando che, nella seduta del “question time” di stamattina, il regolamento è stato applicato in modo anomalo senza avvisare tutti i consiglieri, introducendo modifiche estranee allo stesso regolamento che prevede fra l’altro la presenza in Aula di tutti gli assessori, il rispetto della proporzionalità fra i gruppi nella selezione degli argomenti, la durata uguale di 2 minuti per illustrazione, risposta e replica, e la cadenza trimestrale, diversamente da quanto attualmente previsto, ovvero una seduta ogni primo martedì del mese: “I cittadini sono stanchi di questo Consiglio regionale. Per noi – spiega Oppi – quanto accaduto è grave ed annunciamo di non partecipare alla seduta di stasera riservandoci ulteriori decisioni anche per le successive, di commissione e di Aula”.

LEGGI ANCHE:  Terzo mandato, Toti: "Classe dirigente va preservata".

Il presidente Michele Pais ha replicato che “le modalità della seduta sono state definite ed approvate all’unanimità dalla conferenza dei capigruppo (compreso il rappresentante di Udc-Cambiamo), nel segno della massima apertura al confronto”.