Politiche giovanili a Sassari: presentati i risultati dei percorsi creativi e culturali per i giovani.

Sono stati presentati oggi i risultati del progetto LGNetEA destinato ai giovani del Sassarese che, dal mese di settembre ha avviato una serie di laboratori di artigianato e cultura, rivolti a giovani dagli undici ai 29 anni. Attività, svoltesi nel Centro Poliss e nel Centro Giovani di piazza Santa Caterina, nate con l’obiettivo di sperimentare percorsi creativi e interculturali, sviluppando le potenzialità dei giovani del territorio.

A presentare gli output di progetto l’assessore ai Servizi sociali, Gianfranco Meazza, il dirigente Alberto Mura, Paola Salvadori dell’Ass.Officine Condivise e Giulia Izza dell’Ass. Ginquetas, membri del partenariato.

Laboratorio di ceramica
Laboratorio di ceramica

I laboratori, spiegano i promotori, sono cominciati ufficialmente a fine settembre, con il primo incontro del laboratorio di “Innovazione sociale” nel Centro Poliss, dove Officine Condivise, in collaborazione con Confcooperative Sassari-Olbia e Puntocooper soc. coop., ha avviato percorsi di orientamento e accompagnamento all’associazionismo e all’imprenditoria cooperativa nell’ambito dell’inclusione sociale, cultura e turismo, ambiente e sostenibilità, formazione e lavoro.

Laboratorio Falegnameria
Laboratorio Falegnameria

Nello specifico il percorso “Benessere e Inclusione” ha portato alla definizione di un progetto rivolto a madri nigeriane con figli piccoli per agevolarne l’inclusione sociale nel tessuto sociale cittadino. Per quanto riguarda il percorso “Ambiente e Sostenibilità” è invece in fase di studio di fattibilità un progetto ideato dai partecipanti contro lo spreco alimentare nel settore dell’ortofrutta, con forti elementi di innovazione sociale e un importante impatto dell’azione progettuale sulle categorie più vulnerabili della città. In questi giorni partiranno i due percorsi “Cultura e Turismo” e “Formazione e Lavoro” in contemporanea, in modo da integrare gli elementi dei due settori e creare un percorso ad hoc sugli interessi ed esigenze dei partecipanti iscritti.

LEGGI ANCHE:  Recovery, al CNEL si discute sul "patto tra generazioni".

Interessante anche quanto prodotto dal laboratorio di falegnameria, nel corso del quale sono stati affrontati argomenti come la sicurezza personale, i materiali lignei, la progettazione, l’assemblaggio e le finiture. Il primo ciclo di falegnameria rivolto ai ragazzi dai 18 ai 29 anni si è svolto tra ottobre e dicembre. Il secondo e ultimo ciclo è partito il 25 gennaio e il laboratorio per i ragazzi dagli 11 ai 17 anni sarà realizzato a marzo.

Laboratorio Falegnameria
Laboratorio Falegnameria

Si è poi concluso il primo ciclo del laboratorio di ceramica che, con il supporto dell’artigiano e dei tutor, ha permesso di avvicinare i giovani alla lavorazione tradizionale dell’argilla per la realizzazione di oggetti di uso quotidiano. Il primo ciclo di ceramica, rivolto ai ragazzi dai 18 ai 29 anni, si è svolto tra ottobre e dicembre, mentre il secondo e ultimo ciclo è partito il 26 gennaio, con la collaborazione della ceramista Ilaria Cristina Marras.

LEGGI ANCHE:  Uniss: proclamati i vincitori del FameLab Sardegna.

Innovativa anche l’attività inserita nell’ambito della Ciclofficina, iniziativa mirata al trasferimento di competenze per la riparazione delle biciclette. Ogni partecipante, ricordano dal Comune, ha lavorato sulla rigenerazione di biciclette dismesse.

Ciclofficina, Sassari
Ciclofficina, Sassari

Gli altri laboratori, concludono dal Comune, si stanno svolgendo al Centro Giovani di piazza Santa Caterina e riguardano al momento la realizzazione di una formazione su argomenti comuni ai 3 percorsi come fotografia, video, audio ed editing, avvalendosi dell’ausilio di strumentazione e programmi acquistati nell’ambito del progetto.