Parlamento Ue: nuove norme per limitare l’esposizione dei lavoratori alle sostanze pericolose.

Il Parlamento europeo ha adottato mercoledì la legge, già concordata con gli Stati membri, sui nuovi valori limite di esposizione per il piombo per la prima volta dopo quarant’anni, e per la prima volta in assoluto per i diisocianati.

I nuovi limiti, aggiornati per la prima volta dal 1982, saranno fissati a meno di un quarto dei valori attuali: il limite di esposizione professionale sarà fissato a 0,03 mg/m³ e il valore limite biologico a 15 µg/100 ml.

Nell’UE, circa 50.000-150.000 lavoratori sono esposti al piombo, e 4,2 milioni di lavoratori ogni anno.

L’esposizione al piombo, infatti, può influenzare la fertilità delle donne e degli uomini, lo sviluppo del feto, e potrebbe danneggiare il sistema nervoso, i reni, il cuore e il sangue.

LEGGI ANCHE:  Corte dei Conti: "Parità di genere priorità meno integrata nel bilancio UE".

I diisocianati, gruppo molto ampio di composti chimici caratterizzati dalla presenza di due unità di cianati ed un’unità di idrocarburi alifatici o aromatici, sono dannosi per la salute umana; per la prima volta ci saranno limiti anche per l’esposizione ai diisocianati, che possono causare reazioni allergiche e malattie respiratorie come l’asma.

La nuova legge fissa il limite di esposizione professionale per i diisocianati a 6 µg NCO/m³ (la concentrazione massima a cui un lavoratore può essere esposto durante una giornata lavorativa di otto ore) e a 12 µg NCO/m³ per l’esposizione a breve termine (ossia, un periodo di 15 minuti). La Commissione europea riesaminerà tali limiti entro il 2029.

Ora spetterà al Consiglio approvare formalmente il testo, prima della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE e della successiva entrata in vigore.

LEGGI ANCHE:  Parlamento europeo: sì al fondo da 17,5 mld per una transizione giusta verso un'economia verde.

Foto Alexis Haulot Copyright: © European Union 2022 – Source : EP