Non chiamiamole elezioni, chiamiamolo posizionamento tattico.

Nel leggendario e ipercitato “Paese normale”, a ogni elezione una parte politica vince e forma un governo, un’altra le perde e va all’opposizione. In Italia, Paese di poeti, santi, navigatori e leggi elettorali le cose non funzionano cosi. Allo stato attuale, sappiamo già che tutte le forze in campo usciranno perdenti dalla tornata del 4 marzo. Resta giusto da capire in che misura ciò avverrà.  

Posto quindi che nessuno vincerà, le partite elettorali a cui assisteremo saranno le seguenti: Riuscirà il PD a raggiungere il 25% per trattare con Forza Italia da una posizione di vantaggio? Riuscirà Forza Italia a prendere abbastanza voti per trattare con il PD da una posizione di vantaggio? Riusciranno Lega e grillini a evitare emorragie di neo eletti e trovare un senso al loro esistere che vada oltre le urla? Riusciranno LEU, Noi con L’Italia e Civici di Lorenzin a piazzare abbastanza deputati da concedere al miglior offerente nelle trattative post elettorali?

LEGGI ANCHE:  Commissioni permanenti: domani le audizioni dei sindacati su Air Italy.

Non chiamiamole elezioni. Ciò che si svolgerà il 4 marzo sarà il suggello popolare a un’operazione di posizionamento dei partiti in preparazione della vera sfida: la formazione di una maggioranza. Qualcuno si posizionerà bene, qualcuno male, qualcun altro non si posizionerà a causa dello sbarramento del 3%. Quello che noi faremo come elettori sarà fischiare l’inizio di una partita che non sappiamo quanto durerà e, soprattutto, come finirà. 

foto Sailko

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.