Neuro-riabilitazione, Progressisti: “Riaprire unità operativa al Brotzu”.

Riaprire l’unità operativa di neuro-riabilitazione al Brotzu. Questa la richiesta del gruppo dei Progressisti per i quali sulla situazione dei pazienti cerebrolesi non è possibile perdere altro tempo: “La chiusura dell’unità – per Francesco Agus – struttura di riferimento fondamentale per l’intera isola sta causando disagi insostenibili per i pazienti e le famiglie, già impegnati in percorsi di ripresa difficili e impegnativi”.

Proprio sulle gravi cerebrolesioni acquisite in Sardegna il gruppo aveva indirizzato al Presidente della Regione una mozione – primo firmatario Gianfranco Satta – per assicurare ai pazienti dell’Isola un’ adeguata assistenza.

“Nel frattempo, però – prosegue Agus – non è più tollerabile la chiusura che va avanti da tre mesi di un’unità di alta specializzazione, con il conseguente smistamento degli utenti in centri, anche privati, che non possono chiaramente garantire lo stesso livello di eccellenza. Sappiamo bene che la pandemia ha reso tutto più complicato, ma soprattutto la carenza di personale specializzato che ha portato alla chiusura di neuro-riabilitazione al Brotzu è un problema che richiede soluzione da tempo”.

LEGGI ANCHE:  Piano Casa, l'opposizione: "Non si può andare in deroga al PPR. Ripristinare la certezza del diritto".

foto Sardegnagol riproduzione riservata