L’ultima balla del pandemicamente corretto: il fascioesercente.

Ricorrendo a Eschilo si dice spesso che in guerra la prima vittima sia la verità. Ciò, senza dubbio, è stato vero in Italia nella guerra al coronavirus. Con il deflagrare della pandemia nacque infatti il mito del “modello italiano” invidiato da tutto il mondo. L’Italia e la sua cialtronesca classe dirigente tutto erano fuorché un modello ma per qualche tempo la supercazzola di Rocco e i suoi fratelli ebbe un certo successo.

Quando poi gli enormi nodi della gestione della crisi vennero al pettine, politici, giornalisti e facebookari filogovernativi propagandarono l’idea di un Italia divisa tra chi voleva salvare vite e chi voleva salvare l’aperitivo del venerdì. I critici dell’operato di Conte, Speranza e Arcuri, ça va sans dire, appartenevano alla seconda categoria. Se poi la critica era particolarmente efficace scattava l’accusa di “negazionismo”, il marchio d’infamia riservato in passato a chi metteva in dubbio la Shoà.

LEGGI ANCHE:  L’inquinamento in Italia durante il lockdown.

Martedì, a più di un anno dall’inizio dell’emergenza, esercenti, ambulanti e autonomi sono scesi in piazza per protestare contro le chiusure che stanno desertificando i loro settori. Puntualmente, col pretesto di alcune inaccettabili ma limitate violenze, la protesta di persone a cui si impone di non lavorare è diventata un raduno di fascisti ed evasori fiscali. Una crudele e derisoria caricatura che nulla ha a che fare con l’informazione di un Paese democratico.

Nell’epoca del pandemicamente corretto sostenere i provvedimenti di un ministro che la ha sbagliate tutte è considerato maturo, responsabile, progressista. Al contrario, chiedere risposte e soluzioni a una crisi che pare senza via d’uscita è un atto estremista.

LEGGI ANCHE:  Bonus trasporti, 1.395 voucher lavorati al minuto per il click day di dicembre.

Fra poche settimane festeggeremo la ricorrenza del 25 aprile. Non ci stupiremmo se, dalle parti de “La Stampa” o del “Corsera”, qualcuno stesse già riscaldando la melassa per celebrare il lockdown quale atto di resistenza antifascista.