Lingua sarda, al via i progetti regionali per la standardizzazione ortografica.

Salvaguardare tutte le varianti del Sardo nel loro valore sociale e culturale. E’ quanto previsto dai progetti per la standardizzazione ortografica del sassarese (comprendente anche le varietà di Porto Torres e Stintino), del tabarchino (di Carloforte e Calasetta) e del gallurese (compresa anche la varietà di Castelsardo e l’isulanu di La Maddalena), previsti dalla Regione Sardegna.

Attività che vedranno l’organizzazione di incontri pubblici per la condivisione e la discussione delle proposte con la popolazione, favorendo, nelle ambizioni della Giunta regionale, la divulgazione, la conoscenza e l’importanza dello sviluppo delle varietà linguistiche sarde.

Nell’occasione l’assessore regionale alla Pubblica Istruzione, Andrea Biancareddu, ha comunicato inoltre l’apertura delle iscrizioni per “NARAּ MI”, il procedimento che serve a rilasciare la certificazione della conoscenza orale della lingua sarda, del catalano di Alghero, e delle varietà alloglotte sassarese, gallurese e tabarchino.

LEGGI ANCHE:  "Nuove RETI": memorie ed esperienze tra giovani e anziani.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata