Le esportazioni di servizi dell’UE raggiungeranno 1 361 miliardi di euro nel 2022.

Nel 2022, i Paesi dell’UE hanno esportato servizi per un valore di 1.361 miliardi di euro verso paesi extra-UE (+25% rispetto al 2021). Le importazioni extra-Ue si sono attestate a 1.155 miliardi di euro (+21% rispetto al 2021). Ciò segna una forte ripresa dopo il calo registrato nel 2020 a causa dell’impatto della pandemia di COVID-19 e delle relative misure sanitarie.  

Dal 2010, il saldo del commercio di servizi dell’UE è passato da 76 miliardi di euro a un picco di 137 miliardi di euro nel 2018, prima di diminuire di oltre la metà nel 2019 (55 miliardi di euro) e scendere ulteriormente nel 2020 (12 miliardi di euro). Nel 2021 è rimbalzato a 140 miliardi di euro e ha raggiunto i 206 miliardi di euro nel 2022. 

LEGGI ANCHE:  SURE, la Commissione eroga altri 14,1 miliardi di euro a 12 Stati membri. 751 milioni all'Italia nell'ultima tranche.

Nel 2022, i principali partner commerciali dell’UE per i servizi sono stati gli Stati Uniti (22% delle esportazioni extra-UE) e il Regno Unito (19%), davanti alla Svizzera (11%).

Oltre un terzo (34%) dei servizi importati nell’UE da paesi terzi provengono dagli Stati Uniti, seguiti dal Regno Unito (18%) e dalla Svizzera (7%).

Nel 2022, si è registrato un calo del 22% dei servizi esportati dall’UE verso la Russia rispetto al 2021. Allo stesso tempo, anche le importazioni dalla Russia hanno registrato un calo dell’11%.