La Giunta rivede i limiti di reddito per l’edilizia residenziale pubblica.

La Giunta Regionale ha approvato in via definitiva l’incremento del limite massimo di reddito richiesto per accedere alle graduatorie relative agli alloggi di edilizia residenziale pubblica, ampliando così la platea dei beneficiari. Il provvedimento, dopo l’ok dell’Esecutivo Solinas, sarà trasmesso ad Area e ai Comuni.

Si tratta – per l’assessore regionale ai Lavori Pubblici, Aldo Salaris – di una misura che va incontro alle esigenze delle fasce più deboli della popolazione, in particolar modo a quelle interessate da problematiche abitative: “Viviamo un momento di estrema difficoltà, aggravato dalle conseguenze della crisi sanitaria ed economica. Oggi più che mai siamo chiamati a porre in essere azioni celeri ed efficaci per contrastare quanto più possibile gli effetti della crisi, che in questo caso si manifestano anche sotto forma di disagio abitativo”.

LEGGI ANCHE:  Viabilità: 30,2 milioni dalla Giunta regionale.

Un provvedimento, confermano dalla Giunta regionale, in linea con l’incremento Istat del costo della vita per le famiglie di operai e impiegati (FOI), limite di reddito che passa, così, da 14.162 euro a 14.573 euro (incremento di 411 euro).

La Giunta, sulla base del dato Istat, ha aggiornato anche le classi di reddito procapite per l’attribuzione dei punteggi alle domande di assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale prevedendo che anche le classi reddituali, fissate a suo tempo in 1.540 euro (attributiva di punti 2) e in 2.568 euro (attributiva di punti 1), vengano aggiornate nella misura del 2,9%. Il reddito cha attribuisce 2 punti passa quindi da 1.540 euro a 1.585 euro mentre il reddito che attribuisce 1 punto passa da 2.568 euro a 2.642 euro.

LEGGI ANCHE:  Aldo Salaris: "La Regione si attivi per un sostegno economico a favore dell’assistenza agli anziani".

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata